Palazzina esplosa e crollata a Rescaldina: il tubo del gas era stato aperto manualmente

Il crollo era accaduto il 31 marzo 2018. Erano indagati marito e moglie

La palazzina esplosa (foto Bennati)

È stato un tubo del gas scollegato manualmente nella cucina di Saverio Sidella, 45enne sergente maggiore dell'esercito, a provocare l'esplosione e il crollo della palazzina di via Brianza a Rescaldina avvenuta il 31 marzo 2018. Lo hanno messo nero su bianco i periti della procura di Busto Arsizio (Varese) nella loro relazione conclusiva depositata in tribunale.

Video: il momento dello scoppio

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In seguito all'esplosione, avvenuta alle 7.45, morì lo stesso Sidella (dopo 18 giorni di agonia in ospedale) e rimasero gravemente feriti sua moglie, i suoi bambini e altre cinque persone. Marito e moglie erano indagati per strage, ma non essendo emersi indizi a carico della donna e non essendovi prove che in casa loro, dove sarebbe stata innescata l'esplosione, vi fossero altre persone, la procura di Busto Arsizio ha chiesto l'archiviazione delle accuse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

  • Bollettino coronavirus Lombardia: 12 morti, risalgono i contagi. In totale meno persone malate

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

Torna su
MilanoToday è in caricamento