Palazzina esplosa e crollata a Rescaldina: il tubo del gas era stato aperto manualmente

Il crollo era accaduto il 31 marzo 2018. Erano indagati marito e moglie

La palazzina esplosa (foto Bennati)

È stato un tubo del gas scollegato manualmente nella cucina di Saverio Sidella, 45enne sergente maggiore dell'esercito, a provocare l'esplosione e il crollo della palazzina di via Brianza a Rescaldina avvenuta il 31 marzo 2018. Lo hanno messo nero su bianco i periti della procura di Busto Arsizio (Varese) nella loro relazione conclusiva depositata in tribunale.

Video: il momento dello scoppio

In seguito all'esplosione, avvenuta alle 7.45, morì lo stesso Sidella (dopo 18 giorni di agonia in ospedale) e rimasero gravemente feriti sua moglie, i suoi bambini e altre cinque persone. Marito e moglie erano indagati per strage, ma non essendo emersi indizi a carico della donna e non essendovi prove che in casa loro, dove sarebbe stata innescata l'esplosione, vi fossero altre persone, la procura di Busto Arsizio ha chiesto l'archiviazione delle accuse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • Milano, Carrefour compra 28 supermercati Auchan da Conad: "Nessun esubero"

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

  • Milano, sciopero Trenord in arrivo: treni a rischio per 24 ore e nessuna fascia di garanzia

Torna su
MilanoToday è in caricamento