"Mi hai rubato il posto": e scatta il pestaggio, 23enne preso a calci e pugni all'autolavaggio

La follia verso le 18 in via Amoretti. Il 23enne è finito in ospedale in codice giallo

Stava cercando di spostare il suo furgone per lasciare posto a quell'uomo che, senza rendersene conto, aveva superato nella fila. Ma, evidentemente, non ha fatto in tempo ed è stato "travolto" dalla rabbia di quello stesso uomo. 

Folle aggressione lunedì pomeriggio in un'autolavaggio di via Amoretti, dove un ragazzo di ventitré anni - un giovane albanese - è stato pestato a sangue dopo una lite. Verso le 18, stando a quanto finora ricostruito dalla polizia, il 23enne ha infatti discusso con un'altra persona che lo accusava di avergli rubato l'unica piazzola disponibile. 

Dalle parole ai fatti il passo è stato brevissimo e l'aggressore si è scagliato contro il ragazzo, colpendolo con calci e pugni al volto e al corpo. Nonostante l'intervento di due dipendenti della struttura - anche loro colpiti -, l'uomo ha continuato nel suo pestaggio prima di allontanarsi a bordo della sua macchina, una Bmw. 

Il ragazzo, soccorso dall'equipaggio di un'ambulanza del 118, è stato portto al Niguarda in codice giallo per le ferite riportate. La polizia è invece ora sulle tracce dell'aggressore, che è stato nitidamente ripreso dalle telecamere di sicurezza mentre - con maglietta e jeans tagliati - si scaglia contro la vittima, impugnando anche una ciabatta come "arma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento