Via Bolla, abbattimenti più vicini. 100 milioni dal governo alla Lombardia per le case popolari

Le risorse messe in campo si sommano a quelle già stanziate per Lorenteggio e San Siro. In vista anche la rigenerazione di via Gola

Via Bolla

Tesoretto per le case popolari in arrivo dal governo per la Lombardia: 101 milioni di euro di cui 48,2 saranno destinati alla città di Milano e 30 negli altri Comuni, per la rigenerazione di quanto già esiste, mentre 23,1 milioni di euro saranno destinati a realizzare nuova edilizia sociale o recupero del patrimonio pubblico e provato non utilizzato.

E' l'accordo messo a punto dall'assessore alla casa della Lombardia Stefano Bolognini e dal ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli «frutto - ha dichiarato Bolognini - di due anni di lavoro. Non è facile portare a casa una cifra così importante, sommata agli oltre 20 milioni della scorsa settimana destinati agli alloggi sfitti. Gli strumenti attivati agiranno su scale diverse per affrontare il degrado edilizio e sociale incrementando gli alloggi assegnabili».

«L'aspetto più significativo dell'accordo - ha dichiarato Attilio Fontana, presidente della giunta lombarda - è la collaborazione tra Istituzioni. Un metodo di lavoro che per noi è la norma e che vogliamo portare come esempio anche alle altre regioni. Anche questo, per noi rappresenta il valore dell'autonomia che da tempo rivendichiamo. Bisogna interagire fra Istituzioni in maniera virtuosa, noi lo facciamo basandoci sui principi della capacità, dell'efficienza e dell'efficacia». 

L'obiettivo è fissato: ristrutturare più di 4 mila appartamenti in Lombardia entro il 2020. E, entro la fine del mandato della giunta lombarda (2023), ripensare interamente uno o due quartieri di Milano, sfruttando non solo questi 48 milioni ma anche i 60 per il Lorenteggio e i 30 per San Siro già stanziati. 

Via Bolla e via Gola, l'occasione che si attendeva

E proprio perché Lorenteggio e San Siro appaiono già "sistemati", i 48,2 milioni dell'accordo col governo potrebbero essere destinati a via Gola e via Bolla, due quartieri popolari con enormi problemi di degrado e di ordine pubblico. Per via Gola si profila la vendita ai privati dei caseggiati, considerando l'occupazione abusiva di 112 alloggi su 361, mentre per via Bolla si torna a parlare della demolizione e ricostruzione.

Via Bolla, MilanoToday e Agorà in "esplorazione"

Un'idea che anni fa aveva messo d'accordo centrodestra e centrosinistra nel Municipio 8 e anche il presidente di Aler Mario Angelo Sala, salvo poi "scontrarsi" con l'assessorato regionale alla casa che di demolire non ne ha voluto sapere. Ma visto che ristrutturare i caseggiati (80 alloggi occupati abusivamente su 244) costerebbe qualcosa come 20 milioni di euro, risulta molto più conveniente la soluzione di abbatterli. 

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • E' morto a Milano Enrico Nascimbeni, aveva 59 anni

  • Sciopero dei mezzi a Milano, giovedì stop a metro, tram e bus Atm: gli orari dell'agitazione

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: a Milano il primo negozio dedicato alla vagina

  • Ragazzo di ventidue anni sparito da oltre un mese: ritrovato a Milano, dormiva in strada

  • Malpensa, fagioli scambiati per ovuli di coca: brutta disavventura per un turista brasiliano

Torna su
MilanoToday è in caricamento