Pistola carica, una maschera di Berlusconi e droga in casa: arrestati 'nonna cocaina' e figlio

Indagine per capire se la donna - 70enne - e l'uomo possano essere coinvolti in varie rapine

Il materiale sequestrato

Poteva tranquillamente essere confusa con una saggia e indifesa nonnina: 70 anni, sguardo e espressioni segnate dal passaggio del tempo e quell'impostazione tipica di chi può sempre dispensare il giusto consiglio. Apparentemente, perché nella sua abitazione di Rozzano - che condivideva con il figlio di 47 anni - nascondeva una pistola Beretta calibro 7.65 con 6 colpi nel caricatore. Oltre a diversi grammi di cocaina e hashish. E' stata arrestata - insieme al figlio - dai carabinieri.

Ad incastrare la 'nonnina' sono stati i militari della Stazione di Pieve Emanuele. Madre e figlio hanno attirato la loro attenzione durante la giornata di mercoledì perché giravano a bordo di un'utilitaria: avanti e indietro, attorno ad alcuni bar e farmacie, tra Pieve Emanuele, Opera e Rozzano. Dopo averli identificati come pregiudicati, la signora infatti era già nota per droga e il figlio per reati legati alle armi e rapina, i carabinieri li hanno fermati. I controlli sono stati estesi all'abitazione dei due. 

Proprio lì, avevano la pistola con la matricola abrasa in bella vista sui libri in libreria. Nella cassaforte poi, le cui chiavi erano in mano ala 70enne, sono stati trovati 15 grammi di cocaina e 10 di hashish, oltre al materiale per confezionare le dosi. Nell'appartamento è stata trovata anche una maschera in silicone con la faccia di Silvio Berlusconi, una parrucca, alcune pastiglie usate per 'tagliare' la cocaina, tre piccole spade e 2mila euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Madre e figlio sono stati portati via in manette e saranno processati per direttissima. Visti i precedenti penali dell'uomo - già sorvegliato speciale per rapina - e quanto rinvenuto in casa, le indagini dei carabinieri della compagnia di Corsico, guidati dal capitano Pasquale Puca e dal suo vice Armando Laviola, proseguono per capire se nei negozi della zona ci siano stati 'colpi' riconducibili ai due.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento