menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Teatro alla Scala, nel 2013-2014 si apre con la Traviata

Dieci titoli di lirica anziché tredici: colpa dei tagli. Il nome del dopo-Lissner entro luglio

Stephane Lissner

Alla presentazione della stagione 2013-2014 del teatro alla Scala tiene banco soprattutto il ruolo di Stephane Lissner, che dal 2015 sarà a Parigi, e del suo successore, che arriverà a luglio 2013. Giuliano Pisapia, che della Scala è presidente in quanto sindaco di Milano, ha annunciato di voler fare in fretta, forse anche anticipando un po' i tempi, "per porre fine alle polemiche" sulla scelta. Pisapia ha anche rivelato che sta già esaminando i curriculum e facendo i colloqui con gli aspiranti sovrintendenti.

Si è lamentato il direttore musicale Daniel Barenboim. Non gli sono andate giù le polemiche sulla "italianità" del nuovo sovrintendente. "Che cos'è - ha affermato - l'italianità in musica? La differenza tra Verdi e Beethoven è il certificato di nascita? Penso di no". E ha citato Maria Callas ("La cantante che, nel XX secolo, ha rappresentato l'italianità è una greca"). Secondo Barenboim, il nuovo sovrintendente deve piuttosto essere una persona "che ha cultura e che sa fare programmazione".

TRE TITOLI IN MENO - Per quanto riguarda la programmazione della stagione 2013-2014, è stato annunciato un taglio: i titoli di lirica saranno dieci anziché tredici per ovviare alla futura riduzione dei contributi pubblici (420mila euro in meno dal Comune di Milano). "Siamo di fronte a scelte importanti nella difesa del ruolo di teatro pubblico della Scala", ha detto Stephane Lissner. I sindacati (Cgil, Cisl e Uil) si sono dichiarati preoccupati per un "seppur minimo taglio delle produzioni".

APRE LA TRAVIATA - Sarà la "Traviata" di Giuseppe Verdi ad aprire la stagione, il prossimo 7 dicembre, diretta da Daniele Gatti con la regia di Dmitri Tcherniakov. Di Giuseppe Verdi altri due titoli in cartellone, Il Trovatore e il Simon Boccanegra. Italiani saranno sette titoli su dieci, con Mascagni, Rossini, Donizetti oltre che Così fan tutte di Mozart.

LE OPERE - Ecco le opere che verranno rappresentate: La Traviata (Giuseppe Verdi), Le spectre de la rose - La rose malade - Cavalleria Rusticana (Michail Fokin, Roland Petit, Pietro Mascagni), Lucia di Lammermoor (Gaetano Donizetti), Il Trovatore (Giuseppe Verdi), La sposa dello zar (Nikolaj Rimskij-Korsakov), Les Troyens (Hector Berlioz), Elektra (Richard Strauss), Così fan tutte (Wolfgang Amadeus Mozart), Le Comte Ory (Gioachino Rossini), Simon Boccanegra (Giuseppe Verdi).

Potrebbe interessarti


Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su