martedì, 02 settembre 15℃

Sciopero treni Trenord per due giorni: "Vogliamo il referendum"

L'Orsa: "Pronti a fermarci anche a marzo e a fare uno sciopero al mese"

Redazione 18 febbraio 2013
6

Ci risiamo. Un altro sciopero (il secondo di quest'anno) che potrebbe inaugurare una lunga serie (ne potrebbe essere programmato un altro a marzo). 

Si fermano i macchinisti e i capitreni del sindacato Orsa. L'agitazione sarà dalle 3 di martedì 19 febbraio alle 2 di mercoledì 20 febbraio, con una tregua - ma i convogli potrebbero essere in ritardo lo stesso - dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21. 

In sostanza: i treni si fermeranno anche se non saranno arrivati a destinazione. Con una scia di ritardi che potrebbe allungare l'ombra fino a mercoledì. Gli iscritti al sindacato sono un migliaio; una buona fetta dei dipendenti Trenord. 

La protesta è sul referendum (non indetto) sul nuovo contratto aziendale, firmato però dalle altre sigle sindacali. Buste paga meno pesanti dei parigrado di Trenitalia - si parla fino a 200 euro in meno -, turni "strani" (da mezz'ora al giorno a 12 ore consecutive) e, soprattutto, la poca chiarezza dell'azienda, che "non ha fatto votare". 

Annuncio promozionale

"Ci dispiace per i viaggiatori — dice al Corriere Adriano Coscia, segretario regionale Orsa —. La nostra però non è una battaglia per strappare un aumento in busta paga. È invece per la democrazia. Nemmeno negli stabilimenti di Mirafiori, un nuovo contratto entra in vigore senza l'approvazione referendaria dei lavoratori. Purtroppo succede dentro Trenord".

Adriano Coscia
scioperi

6 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di karl

    karl Se i treni pendolari fanno schifo è colpa dei lavoratori? A dicembre è stato arrestato l'ad di trenord, solito incompetente poco di buono membro di losche cricche e nessuno ha commentato nulla; oggi tutti contro qualche coraggioso che si ribella! Che razza di vili siamo diventati noi italiani...

    il 19 febbraio del 2013
  • Avatar anonimo di Pendolare

    Pendolare Capisco le motivazioni dei lavoratori ! Ma cosa serve rivalersi sui poveri pendolari che sopportano ogni giorno treni stracolmi...ritardi......sporcizia .... Noi non dovremmo più pagare i biglietti eppure lo facciamo! Io non faccio mai un viaggio seduta! Probabilmente è l'unica arma che hanno ....ma sono sicura che lei non può capire la nostra frustrazione a meno che lei sia un PENDOLARE!!!!

    il 18 febbraio del 2013
  • Avatar anonimo di Ele

    Ele No comment non so come faccio ancora ad andare in treno ma purtroppo è l unico mezzo x andare al lavoro e sono 10 anni che subisco queste prese in giro dopo tutti i soldi che pago d abbonamento..non è davvero possibile dovete solo vergognarvi

    il 18 febbraio del 2013
  • Avatar di Matteo

    Matteo Al Sig. Adriano Coscia dico semplicemente che: "anche a noi pendolari spiace pagare un salatissimo biglietto per un servizio al limite del ridicolo". Chi come mè prende i treni nell'orario di punta sà a cosa mi riferisco. Continuate pure con questi scioperi!
    Saluti

    il 18 febbraio del 2013
    • Avatar anonimo di Giulia

      Giulia ma già adesso ne fanno uno al mese! andate a lavorare, cretini! con questi scioperi mettete in difficoltà solo la povera gente che va a lavorare, lo capirebbe anche un bambino.

      il 18 febbraio del 2013
      • Avatar anonimo di sciopero

        sciopero Giulia, Biesuz direttore generale di trenord fino all'altro ieri è nuovamente in guai giudiziari, insulta un pó anche questo incompetente uomo di chiesa e di comunione liberazione che ti rende la vita un inferno, dimostra un minimo di coraggio e senso di giustizia anche contro i potenti...

        il 19 febbraio del 2013