Sciopero generale in arrivo: treni, bus, metro, aerei e autostrade a rischio per il 9 marzo

Il ministero dei Trasporti informa che la manifestazione riguarda il settore pubblico e privato

Repertorio

Lunedì 9 marzo sarà una giornata da dimenticare per coloro che si spostano con i mezzi pubblici: per quel giorno, all'indomani della Festa della donna, è previsto infatti uno sciopero generale. La manifestazione è stata già definita come 'sciopero femminista'.

A proclamarlo sono le sigle sindacali Usi, Usb, Cub e Slai Cobas. Le altre sigle per ora non hanno aderito. Secondo quanto confermato dal sito del ministero dei Trasporti, la manifestazione dovrebbe riguardare il settore pubblico e privato.

Sciopero treni, metro e bus: gli orari

Il personale del trasporto ferroviario - quindi treni Trenitalia, Trenord e Italo - dovrebbe incrociare le braccia dalla mezzanotte alle 21.

Discorso diverso per i mezzi del traporto pubblico locale - quindi metro, bus e tram - che dovrebbe manifestare con orari diversi di città in città.

Sciopero aerei: gli orari

La protesta dovrebbe coinvolgere anche il personale del comparto aereo - già coinvolto in uno sciopero il 25 febbraio - che manifesterà per l'intera giornata del 9 marzo.

Sciopero autostrade: gli orari

Si fermano anche gli operatori delle autostrade, dalle 22 della domenica alle 22 di lunedì.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica comunica che l’Associazione Sindacale USB – Unione Sindacale di Base, con nota del 5 febbraio 2020, ha proclamato lo sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private per l’intera giornata del 09 marzo 2020.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al fine di contemperare l’esercizio del diritto di sciopero con il godimento dei diritti della persona costituzionalmente tutelati, ai sensi dell’articolo 1 della legge 12 giugno 1990 n.146, nel corso dello sciopero saranno assicurati, dalle Amministrazioni pubbliche interessate, adeguati livelli di funzionamento dei servizi pubblici essenziali di cui all’articolo 2 della legge 12 giugno 1990, n. 146 e successive modificazioni ed integrazioni, mediante l’erogazione delle prestazioni indispensabili individuate dai contratti collettivi di lavoro, così come interpretati dalla Commissione di Garanzia ai sensi dell’art. 13 della citata legge n. 146/1990 e successive modificazioni ed integrazioni.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Incidente in viale Monza, travolto e ucciso da un'auto mentre cammina sul marciapiede

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

Torna su
MilanoToday è in caricamento