Sciopero nazionale dei trasporti: a Milano si fermano metro, tram, autobus Atm e treni

Sciopero di 24 ore. Trasporto pubblico fermo per quattro ore, stop ai treni per otto. Dettagli

Sciopero dei mezzi in arrivo. Venerdì 17 maggio 2019 è infatti il giorno scelto dal sindacato Usb lavoro privato per la propria agitazione, che rischia di mettere in ginocchio i trasporti in tutta Italia. Lo sciopero, come riferito dal sito del ministero delle infrastrutture e dei trasporti, è stato proclamato lo scorso 15 aprile. L'agitazione è stata confermata ed è ancora presente nella lista del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. 

La stessa Usb ha già fornito le linee guida per gli orari delle agitazioni: il trasporto pubblico locale - a Milano metro, bus e tram di Atm - si fermerà per quattro ore, mentre i lavoratori del settore ferroviario - Trenord, Italo e Trenitalia - potranno incrociare le braccia per otto ore, dalle 9 alle 17. 

Lo scontro tra Usb e governo

Lo sciopero arriva come pagina finale di un lungo scontro tra il sindacato e il governo. 

L'Usb aveva infatti proclamato per il 12 aprile uno sciopero generale, che è poi stato revocato. Da lì la scelta di indire una serie di manifestazioni, cortei e agitazioni che culmineranno nello sciopero generale dei trasporti.

"Alla decisione arbitraria e pretestuosa di vietare lo sciopero generale del 12 aprile, l’Unione Sindacale di Base risponde con tre giorni di iniziative e mobilitazioni dall’11 al 13 aprile, lo sciopero generale del Pubblico Impiego il 10 maggio e lo sciopero generale di tutti i trasporti il 17 maggio", si legge in una nota del sindacato.

"Usb si mobilita dunque in difesa del diritto di sciopero, oltraggiato dalla commissione in barba alle garanzie costituzionali, e a sostegno della piattaforma generale di lotta che era alla base della mobilitazione del 12 aprile", conclude la sigla.

I motivi dello sciopero generale

E la lotta del 12 aprile era nata - aveva spiegato lo stesso sindacato - "contro le politiche di austerity che l'Unione europea impone ai paesi del sud dell'Europa" e "per l'abrogazione totale della Legge Fornero". 

E ancora: "Per l'istituzione di un vero reddito di cittadinanza, universale e incondizionato" e per "la crescita dei salari e l'abbassamento delle tasse anche al lavoro dipendente".

Sciopero generale dei mezzi a Milano

Dopo il "divieto" per il 12 aprile, Usb ha deciso quindi di rispondere con un calendario di proteste e agitazioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi il 10 maggio ci sarà lo sciopero generale di tutti i lavoratori del pubblico impiego e della scuola e una settimana dopo - venerdì 17 maggio - sarà la volta dei lavoratori del settore dei trasporti. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Milano, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

Torna su
MilanoToday è in caricamento