Tifoso morto, coinvolta anche un'auto della polizia?

Gli avvocati degli indagati napoletani chiedono di fare la perizia anche su un'auto della polizia di Stato

Un'auto della polizia coinvolta nella morte di Daniele Belardinelli durante gli scontri tra tifosi dell'Inter (e del Nizza e Varese) e tifosi del Napoli a Milano, il 26 dicembre? Non è assolutamente il caso di spingersi così in là, ma è certo che due avvocati hanno chiesto di includere una vettura della polizia di Stato nell'elenco di vetture da esaminare per venire a capo dell'investimento a Belardinelli, che ancora vivo venne portato da via Novara al vicino San Carlo dai suoi amici, interrompendo così gli scontri.

I due legali, da quanto si apprende, difendono gli indagati napoletani. Secondo una ricostruzione piuttosto credibile, Belardinelli sarebbe stato investito due volte (da due diverse automobili) e avrebbe così riportato gravissime ferite, che qualche ora dopo gli sono risultate fatali. A Napoli sono state rintracciate cinque auto che avrebbero avuto un ruolo nell'investimento.

Di fronte alla richiesta di includere anche l'auto della polizia, la palla passa ai giudici che vaglieranno la cosa; ma intanto si è reso necessario sospendere gli accertamenti tecnici sulle auto, che sarebbero stati compiuti martedì 5 febbraio a Napoli. Per gli scontri, prima classificati come agguato interista anche se poi si è affacciata l'ipotesi dell'appuntamento tra avverse tifoserie, sono in carcere tre interisti (più uno ai domiciliari), tra cui i capi della curva Nord Marco Piovella, per il quale la procura ha recentemente chiesto la sorveglianza speciale, e Nino Ciccarelli. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Video

    Area B, Granelli: "Iniziati test verifica, da giovedì aperto l’info point"

  • Incendi

    Milano, incendio a Quarto Oggiaro: fiamme in una palazzina abbandonata di via Grassi

  • Cronaca

    Milanese trovato morto in Kenya: forse aggredito da ippopotamo mentre correva

  • Cronaca

    Non si ferma all'alt: folle inseguimento, poi sperona l'auto dei carabinieri e scappa a piedi

I più letti della settimana

  • Milano, l'ex concorrente del Gf minacciato in stazione Centrale: "Aggredito per la droga"

  • Lascia una ragazza morta dopo lo schianto, fugge e manda il padre: fermato il "pirata"

  • Incidente in piazzale Cardorna: autobus Atm travolge volanti della polizia, due agenti gravi

  • Mobili "rubati" o venduti a parenti con i prezzi falsi: maxi truffa da Ikea, 30 lavoratori nei guai

  • Milano, tragedia sfiorata nella fermata metro a Loreto: cede gradino della scala mobile

  • Milano, lavori in metropolitana: M2 "tagliata", niente metro verde in alcune fermate, dettagli

Torna su
MilanoToday è in caricamento