Il trapper Sfera Ebbasta indagato per "istigazione all'uso di sostanze stupefacenti"

La rivelazione de Il Centro. Nei giorni scorsi esposti a 18 procure presentati da due senatori

Sfera Ebbasta - Foto da Instagram

Il trapper milanese Sfera Ebbasta sarebbe indagato - il condizionale è d'obbligo - dalla procura di Pescara per il reato di "istigazione all'uso di sostanze stupefacenti". A rivelarlo è il quotidiano "Il Centro", in un articolo a firma Maurizio Cirillo, che spiega come l'apertura del fascicolo sia arrivata dopo l'esposto presentato dai due senatori di Forza Italia, Lucio Malan e Massimo Mallegni. 

“Sto completando un esposto alle Procure della Repubblica delle città dove si è pubblicamente esibito il signor Gionata Boschetti, che per la sua attività commerciale si fa chiamare Sfera Ebbasta - aveva spiegato nei giorni scorsi lo stesso Malan -. Chiedo che i magistrati verifichino se nei testi da lui proferiti pubblicamente si configuri, come a me pare, il reato di istigazione all’uso di droghe, previsto fin dal 1990 dall’articolo 82 del testo unico sulle sostanze psicotrope e stupefacenti, è punito con reclusione da uno a sei anni, pena aumentata se ci si rivolge a minori". 

"Nelle sue asserite canzoni, accanto a un atteggiamento di totale disprezzo nei confronti delle donne, descritte unicamente come un bene di consumo di cui approfittare, vi è un incessante esaltazione del consumo di droga e spesso della guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe - aveva ancora detto Malan -. Ciò è particolarmente grave data l’età di molti componenti del pubblico degli spettacoli del Boschetti. Le leggi vanno rispettate anche e soprattutto quando si sta sopra un palco, ascoltati da centinaia di giovani e giovanissimi". 

Venerdì, lo stesso Malan e Mallegni avrebbero presentato gli esposti in diciotto diverse procure. La prima a riceverlo è stata quella di Pescara, dove Sfera si è esibito a luglio. Da lì, sempre stando a "Il Centro", l'apertura del fascicolo con il trapper indagato

Scrive il quotidiano abruzzese:

Proprio per accertare queste circostanze - l'eventuale reato - la procura ha dato incarico di svolgere specifiche indagini alla polizia giudiziaria.

Sfera Ebbasta, inevitabilmente, riporta alla mente la tragedia di Corinaldo, la città marchigiana dove - nella notte tra il 6 e il 7 dicembre - persero la vita cinque ragazzino e una donna di quaranta anni. Le vittime erano in una discoteca per un concerto del trappaer, quando qualcuno spruzzò lo spray al peperoncino causando il panico e la fuga, nella quale trovarono la morte in sei. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento da Sfera Ebbasta, attivo su Instagram anche sabato mattina, non è arrivato nessun commento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento