Attentati a Nizza: rafforzata la vigilanza a Milano per evitare "il rischio emulazione"

Il prefetto ha ricordato che dopo la strage al "Bataclan" di Parigi del 13 novembre 2015, "siamo al livello 2 di attenzione: vuol dire quello massimo di attenzione prima dell'ultimo, che è quello che scatta in caso di attentato in atto o imminente"

Carabinieri

Vertice straordinario in prefettura a Milano, dopo l'attentato terroristico a Nizza.  Il prefetto Alessandro Marangoni ha parlato con i giornalisti al termine della riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, allargato al procuratore capo di Milano Francesco Greco, al capo del pool antiterrorismo della procura meneghina Maurizio Romanelli e al console generale francese Olivier Brochet.

"Già in questo momento - ha detto - quasi un migliaio di militari dell'Esercito collaborano con le forze di polizia nei servizi di prevenzione, sia nella vigilanza degli obbiettivi fissi, sia nel controllo del territorio. Questa vigilanza è stata ulteriormente incrementata nei confronti di obbiettivi che assumono particolare criticità perché siamo consapevoli che azioni di emulazione rispetto a quello che è successo a Nizza potrebbero anche verificarsi".

Il prefetto ha ricordato che dopo la strage al "Bataclan" di Parigi del 13 novembre 2015, "siamo al livello 2 di attenzione: vuol dire quello massimo di attenzione prima dell'ultimo, che è quello che scatta in caso di attentato in atto o imminente". "Questa attenzione ulteriore sarà mantenuta in maniera strutturale anche nelle prossime settimane" ha proseguito Marangoni, sottolineando che "in questo momento, sul territorio milanese, non abbiamo indicatori di fatti che ci possono portare a proporre di innalzare ulteriormente l'attenzione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dal ministero dell'Interno sono già arrivate delle indicazioni di massima che verranno riconfermate entro la giornata di oggi con una direttiva che il ministro ha poco fa anticipato in conferenza stampa" ha aggiunto il prefetto, che ha concluso affermando che "siamo dunque in attesa di avere degli approfondimenti su delle linee generali che ci sono giù arrivate nell'immediatezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Scuola e Coronavirus: "Incalzata, la ministra Azzolina ha abbandonato la chat. Surreale"

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, 99 malati in più a Milano nelle ultime 24 ore. «Serve ultimo sforzo»

Torna su
MilanoToday è in caricamento