Milano, spacciatore 'tradito' dalla madre: aveva una produzione fai da te di marijuana

L'arresto del Commissariato Città Studi è arrivato dopo una chiamata della donna

Era un figlio violento e terrorizzava la madre. È stato questo atteggiamento il suo passo falso, quello che ha permesso alla polizia di scoprire il suo 'lavoro' da spacciatore e di arrestarlo.

Il pusher violento in famiglia

La storia raccolta da MilanoToday comincia attorno alle 14.30 di lunedì, in una palazzina di quattro piani in via Pietro Calvi, zona Risorgimento a Milano. Il Commissariato viene contattato da una signora anziana che racconta di dover entrare col tecnico della caldaia nel seminterrato della propria abitazione ma considerando l'atteggiamento violento del figlio - che più volte le si era scagliato contro - temeva la sua reazione. Per questo aveva pensato bene di farsi accompagnare dai poliziotti. 

L'arrivo della polizia in via Calvi

Sul posto arrivano gli uomini della volante Citta Studi bis, primo turno. Sono loro ad aiutare l'anziana e l'operaio. Entrati nel locale caldaia, nel seminterrato dell'appartamento, dove l'idraulico doveva eseguire la manutenzione, agli agenti non sfugge la presenza di un sacchetto di plastica al cui interno c'è della marijuana.

La marijuana di produzione locale

I poliziotti chiedono subito conto al figlio, un italiano di 33 anni con precedenti, già molto nervoso per la loro presenza in casa. Lui nega e sostiene di non avere altra sostanza stupefacente, cercando di allontanare da lui ogni sospetto. Le sue parole vengono però smentite da lì a poco dalla conseguente perquisizione domiciliare: si trovano altre due bustine con erba, per un peso complessivo di cinquanta grammi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non solo. Nel corridoio vengono trovati tre rametti di cannabis di venticinque grammi. Nel balcone di casa c'era una pianta di marijuana da settanta centimetri e alcuni semi di canapa, segno che l'intera produzione avveniva tra le mure private. Per l'uomo non c'è stato più nulla da fare, il suo 'lavoro' illegale era venuto a galla per colpa del suo atteggiamento violento contro la mamma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento