Milano, preso lo "spacciatore ciclista": in bici a spacciare eroina al distributore di benzina

In manette un 36enne, con numerosi precedenti alle spalle per rapine. Il racconto

Nel passato le rapine. Oggi, la droga. Un uomo di trentasei anni, un cittadino italiano con precedenti, è stato arrestato martedì pomeriggio dalla Squadra Mobile di Milano con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

A bloccarlo sono stati gli agenti della VI sezione, guidati dal dirigente Massimiliano Mazzali, che stavano effettuando servizi anti droga in zona Rogoredo. 

Verso le 13.30, i poliziotti hanno visto il 36enne arrivare a bordo di una bici a un distributore di benzina di via Cassinis. Il "ciclista" è stato immediatamente raggiunto da una decina di persone, che evidentemente erano in sua attesa. L'intervento degli agenti ha messo tutti in fuga, ma per il pusher non c'è stato scampo: gli investigatori lo hanno bloccato e addosso gli hanno trovato diciassette involucri di eroina - peso totale di nove grammi - e nove "palline" di cocaina, per un peso di due grammi e mezzo. 

Il pusher, poi finito in manette, è una vecchia conoscenza della polizia. Il suo primo precedente, infatti, risale all'ormai lontanissimo 2003, quando - a soli venti anni - aveva messo a segno una rapina. Nel corso degli anni ha collezionato diversi guai per rapine in supermercati e negozi, ma evidentemente adesso aveva "spostato" i suoi affari in altri campi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Smog, livelli di pm10 ancora alti: blocco totale delle auto a Milano domenica 2 febbraio

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Milano, incubo per una 12enne sull'autobus: uomo la palpeggia a lungo sulla 91, arrestato

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Omicidio stradale, Michele Bravi chiede 1 anno e mezzo di reclusione come patteggiamento (pena sospesa)

Torna su
MilanoToday è in caricamento