Frediano Manzi (Sos racket e Usura) tenta suicidio: si taglia le vene

L'uomo è stato salvato dai carabinieri. Recentemente era stato condannato per avere inscenato "un finto incendio". E' "in grosse difficoltà economiche"

Frediano Manzi in un'immagine recente

Il fondatore dell'Associazione sos racket e usura, Frediano Manzi, ha tentato il suicidio e si trova ricoverato in ospedale. Secondo quanto si è appreso ora sarebbe fuori pericolo.

Manzi, la cui associazione ha permesso alla magistratura di avviare indagini importanti, soprattutto sul fronte della criminalità organizzata e della corruzione grazie alle denunce dei suoi iscritti, ma che poi era stato condannato per essersi fatto un attentato incendiario a un negozio da solo, ha detto di trovarsi in "disperate situazioni economiche".

"Proprio giovedì ho dovuto chiudere due attività commerciali - ha detto al telefono - e per la 'ndrangheta sono 'un morto che camminà".

Manzi si è tagliato le vene nell'appartamento dove vive, da solo, fuori Milano, ed è stato trovato dai carabinieri allertati dal presidente dell'associazione antiracket Sos Italia, Paolo Bocedi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

Torna su
MilanoToday è in caricamento