Suicidio a Rogoredo, l'uomo morto lascia un biglietto: "Scusatemi"

Nessun problema di depressione né di lavoro, moglie e figli appena salutati

Stazione di Rogoredo

L'uomo che si è gettato sotto un treno a Rogoredo ha lasciato un biglietto con le scuse per il gesto.

Nessun problema di depressione né di lavoro, moglie e figli appena salutati: così il 43enne italiano si è buttato alle 8.05 sotto un convoglio dell'Alta Velocità della Linea Milano-Roma nella stazione di Rogoredo.

Questi gli elementi emersi finora nel caso di suicidio avvenuto giovedì e di cui si sta occupando la Polfer.

Giovedì mattina si è suicidato anche un giovane di 23 anni gettandosi sotto la metropolitana a Porta Garibaldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento