Sostegno per i più poveri: a Milano in 500 nel primo giorno per i 1.200 euro

“Raccomandiamo ai cittadini di recarsi presso tutte le sedi territoriali dei nostri servizi per poter ricevere tutte le informazioni e consegnare le domande di accesso ai contributi e ai patti"

Piazza Scala

Il primo giorno di apertura del bando per richiedere i contributi di sostegno al reddito e accedere ai patti di riscatto sociale più di 500 persone si sono rivolte agli uffici dell’assessorato alle Politiche sociali per presentare la domanda di ammissione.

Tra le sedi con il maggiore afflusso Largo Treves 1 che nella sola mattinata ha accolto circa duecento persone. A disposizione per il ritiro dei moduli (scaricabili dal sito www.comune.milano.it sezione bandi aperti) ci sono 78 sedi e la raccomandazione e di recarsi in quelle vicino a casa. Oltre a Largo Treves 1 gli altri uffici sono: i punti di orientamento e informazione, nuclei distrettuali disabili, gli uffici di via San Tomaso 3, i servizi per adulti in difficoltà, i servizi sociali delle famiglie, i centri multiservizi anziani.

Tutti gli indirizzi sono indicati nell’avviso del bando.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Raccomandiamo ai cittadini di recarsi presso tutte le sedi territoriali dei nostri servizi – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – per poter ricevere tutte le informazioni e consegnare le domande di accesso ai contributi e ai patti. Non c’è fretta. Il bando rimarrà aperto sino al 12 dicembre e le domande saranno accettate sino a quella data. Riguardo alle centinaia di persone che si sono recate già oggi e che anche nei prossimi giorni si recheranno agli sportelli la nostra considerazione è duplice. Siamo ovviamente contenti perché possiamo renderci utili attraverso un’attività straordinaria del Comune ma al tempo stesso non riusciamo e non vogliamo abituarci all’idea della moltitudine delle povertà presenti nella nostra città e nel nostro Paese che almeno per ora si rifiuta di adottare misure di sostegno al reddito nazionali almeno per ora”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Milano, volanti all'inseguimento di uno scooter: finisce con un incidente e un arresto

Torna su
MilanoToday è in caricamento