Tangenti per gli appalti in Lombardia: Tatarella e Caianiello liberi, D'Alfonso ancora arrestato

L'unico a restare ai domiciliari è l'imprenditore Daniele D'Alfonso: gli è stata contestata l'aggravante di aver favorito la 'ndrangheta e per lui la misura scadrà nel maggio 2020

Tatarella

Ritornano tutti liberi, eccetto uno, gli indagati nell'inchiesta della Dda milanese su un presunto sistema di tangenti e spartizione di appalti in Lombardia e che sono ancora agli arresti domiciliari o in carcere come l'ex coordinatore di Forza Italia di Varese Gioacchino Caianiello, l'ex consigliere comunale azzurro nonché candidato alle Europee Pietro Tatarella oppure Mauro Tolbar, ritenuto uno dei collettori di mazzette.

Inchiesta per gli appalti in Lombardia, chi sono gli scarcerati?

Lo ha disposto il gip di Milano Raffaella Mascarino con un provvedimento, notificato nei giorni scorsi, con cui ha rigettato la richiesta avanzata dalla Procura di sostituire con una misura meno afflittiva, come l'obbligo di dimora o di firma, la misura detentiva di cui ha, invece, dichiarato l'inefficacia, per scadenza termini, a partire dal prossimo 6 novembre, per 4 persone.

L'unico a restare ai domiciliari è l'imprenditore Daniele D'Alfonso: gli è stata contestata l'aggravante di aver favorito la 'ndrangheta e pertanto per lui la misura scadrà nel maggio 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cesano, travolta da un bus Atm mentre attraversa sulle strisce: è grave

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

Torna su
MilanoToday è in caricamento