Terrorismo, arrestato un 30enne legato allo Stato Islamico: «Pronto a colpire in Italia»

Si tratta di Nadir Benchorfi, cittadino marocchino di 30 anni. È stato arrestato a San Siro

Terrorismo internazionale. È l'accusa a cui deve rispondere Nadir Benchorfi, cittadino marocchino di 30 anni arrestato dagli agenti della Digos nella giornata di venerdì in via Tracia a Milano, quartiere San Siro.

Benchorfi era arrivato in Italia dal Marocco quando aveva 12 anni. Qui aveva studiato e lavorava nei centri commerciali dell'hinterland milanese. Secondo quanto emerso dalle indagini si sarebbe radicalizzato in Germania, paese dove aveva lavorato come cuoco dal 2012 al 2014. Proprio in Germania avrebbe conosciuto persone che da lì a qualche mese avrebbero preso la via della Jihad.  

«Era pronto a colpire in Italia». Secondo quanto riferito dagli investigatori in una conferenza stampa, Benchorfi sarebbe stato pronto a mettere a segno un attentato. Più volte sarebbe stato esortato dai combattenti del califfato. Avrebbe anche chiesto armi, senza riceverle. Gli investigatori — per il momento — non hanno confermato quali sarebbero stati i possibili obiettivi. Non solo: i suoi contatti tedeschi lo avrebbero anche esortato a prendere parte alla Jihad.

LE INDAGINI E L'ARRESTO

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • "Ritrovo di pregiudicati", la questura chiude tre bar di zona Certosa

Torna su
MilanoToday è in caricamento