Terrorismo, condannato il 30enne "disponibile" per attentato al Centro di Arese

Lo ha deciso il tribunale di Milano. Dopo aver scontato la pena sarà espulso dall'Italia

Il centro commerciale di Arese

È stato condannato a quattro anni di reclusione Nadir Benchorfi, il cittadino marocchino di 30 anni fermato a dicembre 2016 perché si sarebbe detto disponibile a compiere un attentato per l'Isis nel centro commerciale di Arese, struttura in cui lavorava. La sentenza è stata emessa dalla Corte d’Assise di Milano, presieduta da Giovanna Ichino, nella giornata di martedì 4 luglio.

L'uomo avrebbe potuto compiere attentati in Italia 

Secondo la Digos Benchorfi sarebbe un "lupo solitario": usando Telegram (programma per la messaggistica istantanea) si sarebbe messo a disposizione degli uomini del Califfato per compiere attentati in Italia. Nello specifico, sempre secondo gli investigatori, il 30enne sarebbe entrato in contatto con alcuni foreign fighter di Daesh durante il suo soggiorno in Germania, legami che avrebbe mantenuto in Italia inviando anche somme di denaro ai combattenti della jihad.

Video: gli agenti della Digos arrestano il presunto terrorista

NADIR

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sentenza

La procura di Milano aveva chiesto otto anni di carcere, ma i giudici hanno escluso una delle "condotte partecipative" dell'accusa di terrorismo internazionale. Tradotto? La presunta frequentazione in Germania di alcuni foreign fighter. Per lui sono scattate le maneette e una volta scontata la pena sarà espulso dall'Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Dramma allo studentato del Politecnico di Milano: morta Federica, ricercatrice 27enne

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 170 nuovi casi e 22 morti

  • Milano, ragazza di 27 anni trovata morta in una residenza universitaria del Politecnico

Torna su
MilanoToday è in caricamento