Pronto a fare la jihad e a reclutare altri miliziani: arrestato terrorista dell'Isis

Si tratta di un 22enne egiziano: per gli investigatori era organico al Daesh. Con lui denunciati due suoi connazionali, di cui uno verrà espulso dall'Italia

Il 22enne (foto Polizia)

«Qui sulla terra esiste il peccato e gli errori. Se mi venisse concessa la misericordia di Lui (Allah) però, la cosa è (può succedere che), che (Allah) sia lodato, o ti perdona e tu ti senti in trappola e in debito per quello che hai commesso, se Allah vuole, sia lodato, (Lui) ha detto: "Questo è illegittimo (haram - contro la sharia), o qualcosa del genere, ti dà il potere di risolverla personalmente e così via…”. Per ciò, mi ha mandato a dire (non si sa a chi faccia riferimento) che io debba sgozzarla e così via… ma se io sgozzo e la sgozzo lì, vedrei il suo sguardo…».

E' solo una delle frasi ascoltate dagli investigatori della polizia pronunciate da Issam Elsayed Abouelamayem Shalabi, egiziano di 22 anni residente a Milano nel quartiere di Crescenzago, arrestato all'alba del 21 novembre per associazione con finalità di terrorismo internazionale e istigazione al terrorismo. La polizia lo ritiene organico allo stato islamico e intenzionato a combattere per il Daesh, per il quale faceva propaganda, diventando nel tempo un punto di riferimento per altri.

La residenza del giovane (via Antonio Meucci 2) è nello stesso edificio in cui, nel mese di marzo, si era consumato un feroce e assurdo delitto. Un egiziano era stato accoltellato al cuore al culmine di una lite scaturita tra sei ragazzi, coinquilini e connazionali, per ragioni di "campanilismo" derivato dalle rispettive zone d'origine. Un delitto che, ovviamente, non c'entra alcunché con l'indagine antiterrorismo, della quale condivide soltanto l'indirizzo.

L'operazione, coordinata dalla direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, ha coinvolto anche altri due egiziani, soltanto denunciati: un 21enne domiciliato a Colonnella (Teramo), per il quale è stata stabilita l'espulsione dall'Italia, e un 23enne residente a Piacenza ma attualmente all'estero. 

I tre egiziani sono fortemente radicalizzati e manifestano sentimenti dichiarati di odio verso l'Occidente. Shalabi era la figura carismatica del terzetto. All'inizio delle indagini (svolte dalla procura dell'Aquila) risiedeva a Colonnella, poi si era trasferito a Cuneo e da qui, l'1 agosto 2018, a Milano, cambiando indirizzo quattro volte in pochi mesi. Lavorava in nero per un'azienda che si occupa di bitumazione stradale. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

L'indottrinamento e la volontà di combattere

Shalabi trascorreva quasi tutto il suo tempo libero indottrinandosi sulla guerra contro l'Occidente, attraverso filmati e file audio che trasmettono inni jihadisti e sermoni estremisti. L'escalation di radicalizzazione è risultata evidente e palese agli investigatori. Tra l'altro alcuni di questi sermoni indicavano chiaramente la via del martirio e degli attentati in Occidente nei confronti dei civili. «Sì, io mi auguro di andare lì ma ancora non è arrivato il momento. Arriverà il momento in cui andrò a fare la guerra insieme a loro», ha dichiarato Shalabi conversando al telefono con un interlocutore e riferendosi all'arruolamento nello stato islamico. Per poi aggiungere: «Conosco persone che hanno fatto domanda di fare una operazione jihadista».

Esplicita anche la consapevolezza che lo stato islamico si serve di "lupi solitari", individui che non fanno parte di gruppi organizzati ma si tengono pronti ad agire quando verranno "chiamati": «Ognuno di noi (dello stato islamico) si muove per conto proprio, ognuno di noi ha capito il concetto di battaglia e il significato del bene e del male», spiegava Shalabi aggiungendo di desiderare «che la legge di Allah copra tutta la Terra».

Il video dell'iniziazione all'Isis

Intercettazioni, pedinamenti, analisi delle frequentazioni. Tutto convergeva: Shalabi, secondo quanto appurato dalla polizia postale, gestiva gruppi chiusi su Telegram rilasciando personalmente le credenziali per far partecipare altri. In questi gruppi diffondeva le attività dell'Isis raccolte da "Amaq" e "Nasher News", che elencano tra l'altro gli obiettivi e i risultati del Daesh in termini di morti, feriti, prigionieri catturati e così via.

Dal canale "Nasher News", il 22enne aveva scaricato un video che riprendeva il rito dell'adesione (e giuramento di fedeltà) allo stato islamico e al califfo Abu Bakr al Baghdadi, effettuato da cinque ragazzi seduti a semicerchio che recitavano una frase inequivocabile: "Oh, infedeli, siamo venuti da voi con lo sgozzamento e con il permesso di Allah, onnipotente, vi estirperemo portando in alto la parola di Allah, o voi ci uccidete così entriamo nel Paradiso che ci è stato promesso".

Si trattava di un video di rivendicazione dell'attentato avvenuto il 29 luglio 2018 a Danghana, in Tajikistan, nel quale un gruppo di ciclisti occientali è stato prima travolto da un'auto e poi attaccato da uomini armati con pistole e coltelli. Shalabi ha anche diffuso un video che sostanzialmente aveva lo scopo di reclutare soldati, prodotto direttamente dal Daesh con tanto di "scadenza" per la presentazione delle candidature (dal 12 al 18 agosto).

Il 22enne è stato arrestato per l'elevata pericolosità che è emersa dalle indagini. Ed è considerato responsabile dell'indottrinamento degli altri due giovani connazionali che attualmente risultano soltanto indagati: uno, come si diceva, verrà espulso mentre l'altro si trova al momento all'estero.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Quello che cercava di organizzare bisognerebbe farlo a lui in Piazza Duomo, davanti a tutti. Così, magari, ci pensano due volte prima di pensare solamente a organizzare certe cose...

  • Ammazzateli tutti voi stessi dello stato sti parassiti o metteteli in cella con gente più pazza di loro per farli ammazzare ma dove stiamo arrivando in Italia

  • Lavori forzati a vita !

  • risorsa da compattare con l'umido ????????????????????

  • Un coglione si meno, ma c’è ne sono tanti/ troppi altri ancora

  • eliminare il germe...per salvare il corpo....

  • E nin dimentichiamo di rompere il c=%o al titolare della ditta di bitumazione, finanziatore del terrorismo internazionale.

  • laviamolo con il Dash in acqua bollente, così scorticato vivo sto pezzente

  • Eppure non dava molto nell occhio a giudicare dalla foto ....

    • effettivamente...

  • Eppure mi viene da dire che questi rifiuti non sono il peggio, ma la vera nullità sono quegli "italiani" che difendono i loro diritti, i loro reati, la loro volontà di pesare improduttivamente sulla collettività onesta...non avete capito a chi mi rivolgo?centri socialini, associazioni a difesa di tale "minoranze", comunusti col Rolex, politici accogli-tutti (Boldrini&co), intellettuali al "cu...ore grande" (Saviano&co)

  • ora che hanno arrestato questa giovane RISORSA egiziana chi mi pagherà la pensione? Boeri aiutami tu.

  • ciesso

  • Ottimo lavoro forze dell'ordine!! Ora controllate se è sano in qual caso datelo a organizzazioni clandestine che da sempre lo fanno scuoiare e lo mandano al mercato organi. Grazie

Notizie di oggi

  • Video

    Area B, Granelli: "Iniziati test verifica, da giovedì aperto l’info point"

  • Incendi

    Milano, incendio a Quarto Oggiaro: fiamme in una palazzina abbandonata di via Grassi

  • Cronaca

    Milanese trovato morto in Kenya: forse aggredito da ippopotamo mentre correva

  • Cronaca

    Non si ferma all'alt: folle inseguimento, poi sperona l'auto dei carabinieri e scappa a piedi

I più letti della settimana

  • Milano, l'ex concorrente del Gf minacciato in stazione Centrale: "Aggredito per la droga"

  • Lascia una ragazza morta dopo lo schianto, fugge e manda il padre: fermato il "pirata"

  • Incidente in piazzale Cardorna: autobus Atm travolge volanti della polizia, due agenti gravi

  • Mobili "rubati" o venduti a parenti con i prezzi falsi: maxi truffa da Ikea, 30 lavoratori nei guai

  • Milano, tragedia sfiorata nella fermata metro a Loreto: cede gradino della scala mobile

  • Milano, lavori in metropolitana: M2 "tagliata", niente metro verde in alcune fermate, dettagli

Torna su
MilanoToday è in caricamento