Rivoluzione trasporti Atm: Lambrate e Città Studi "mobilitati" per salvare il tram 23

Considerato un numero ormai "storico" per la fetta est di Milano

Il 23 in piazza Fontana (Instagram@Arangorn_23)

Tra le linee Atm che, dal 27 aprile, subiranno la "rivoluzione" annunciata dalla giunta di Milano, la linea tram 23: che scomparirà dalla cartina geografica dei trasporti milanesi. Il 23 sarà infatti integralmente sostituito dal tram 19, che non terminerà più in Cairoli (proveniente da Roserio) ma proseguirà fino a Lambrate, ricalcando appunto l'attuale percorso del 23.

Secondo il Comune di Milano si tratta di una razionalizzazione. Secondo gli abitanti dei quartieri di Città Studi e Lambrate, di una perdita di un simbolo storico delle loro zone. Di qui la protesta sui social network. In verità qualcuno paventa anche il timore che, con l'allungamento della tratta, possano moltiplicarsi eventuali blocchi del servizio dovuti, ad esempio, a incidenti stradali o ad automobili che sostano sulle rotaie.

Ma la gran parte di chi partecipa alle discussioni online sembra soprattutto non volere rinunciare al numero 23. Così anche una petizione su Change, secondo cui il problema risiede proprio nel numero storico (e nei mezzi con cui viene effettuato il servizio).

Tra modifiche alle linee di superficie del trasporto pubblico di Milano, che stanno entrando in vigore in questi giorni, è previsto che il tram 23 venga assorbito dal 19, prendendone il numero. Il 23 così sparirà e si avrà al suo posto un tram nuovo più grande, non più il vecchio tram che conosciamo, con un percorso diverso. Nonostante l'intenzione del Comune e di Atm di voler evitare ai passeggeri, che devono attraversare il centro, di cambiare tram sia rispettabile, la modifica del 23 significa la cancellazione di un simbolo "storico" per Lambrate e per tutta la zona est di Milano. Chiediamo, quindi, che il Comune e Atm cerchino una soluzione diversa, che preveda il mantenimento del 23 sia nella sua forma (tram piccolo di legno), che nel suo numero.

Mentre scriviamo, la petizione ha il sostegno di 520 persone, ma sono molte di più quelle che, su Facebook e Twitter, protestano contro Atm e il Comune di Milano. D'altronde sul web si possono trovare "pezzi" in cui si elogia la linea 23 definendola la linea dell'identità di Milano, visto che transita per piazza Fontana, Palazzo di Giustizia, il Politecnico, una via come viale Piave con negozi "di quartiere" e via dicendo. 

Senza togliere nulla a Lambrate, naturalmente, e ai simboli di una città, qualunque essi siano, sappiamo che il servizio pubblico di trasporti milanesi ha visto diverse linee cambiare numeri e percorsi, anche più volte nel corso del tempo. Per esempio, il tram di San Siro si chiamava 15, poi 24 (e andava verso Vigentino), ora 16 (e va verso l'Ortomercato). E nessun abitante di San Siro ha mai gridato allo scandalo per la perdita del numero. 

Tuttavia, si vive anche di simboli. Atm è pronta a partire, non c'è tempo ovviamente per cambiare le cose di nuovo all'ultimo momento: a Lambrate, giovedì 27 aprile, comparirà il tram 19 (sempre con le vecchie carrozze, comunque). Ma chissà che non si decida, nei prossimi mesi, di tornare alla vecchia denominazione (23) lasciando il nuovo percorso Roserio-Lambrate.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Ma che si chiami 23 o 19 se il percorso è sempre e comunque lo stesso, cosa cambia per chi si deve spostare da piazza rimembranze di Lambrate a piazza Fontana? Al limite se deve andare in duomo non dovrà farsi il pezzo a piedi e la nonnina che fa fatica a far le scale, quando entrerà in funzione il sirietto, farà meno fatica a salire....

  • La tratta lasciata dal 23 sarà interamente coperta dal nuovo 19 e , anzi, si potrà beneficiare del transito per duomo, cordusio, cadorna ecc. L'unica perplessità è data dal fatto che la linea avrà un percorso della durata (nei feriali) di un 'ora e mezza buona, il che non sarà il massimo per i conducenti. Piu' frequenti saranno anche i ritardi. Scandaloso il fatto che la domenica mattina ci sarà una corsa ogni 20 minuti, ma questa pare la direzione verso cui si sta muovendo Atm.

    • Non Atm ma il comune

  • Caspita, chissà cosa faranno senza il 23. Ci saranno blocchi stradali, suicidi di massa.. Ma per favore, i veri problemi sono ben altri!

    • Quando un'amministrazione comunale che controlla ATM prende decisioni scellerate è bene che i cittadini alzino la voce e protestino. Questa giunta, guidata da Sala, sta distruggendo Città Studi per favorire costruttori edili e speculatori finanziari. Protestare contro la soppressione del 23 è più che legittimo: è doveroso. Alziamo la testa e cominciato a ribellarci a chi ci tratta da servi della gleba.

Notizie di oggi

  • Omicidi

    Omicidio a Cusano, uccide l'ex compagno della donna con cui sta da dieci giorni: fermato

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Della Pila a Milano, attraversa fuori dalle strisce: ragazza investita, è grave

  • San Siro

    Bambino ucciso dal padre in casa: San Siro lo ricorda con una fiaccolata

  • Incendi

    Incendio a Cinisello, cerca di spegnere il rogo a casa del vicino dell'amico: morto un uomo

I più letti della settimana

  • Omicidio a Milano, bimbo di 2 anni ucciso di botte in via Ricciarelli: padre in fuga per ore

  • Omicidio a Cusano, uomo va a casa della ex: accoltellato e ucciso dal nuovo compagno

  • Alba di sangue a Milano, ragazzo accoltellato al culmine di una rissa fuori dalla discoteca

  • Terremoto vicino a Milano, registrata scossa di magnitudo 2.5 a Robecco sul Naviglio

  • Matteo, il ragazzino di sedici anni scomparso da Assago: "Non ho più nessuna notizia di lui"

  • Legnano, donna investita e uccisa da un treno in stazione: circolazione in tilt e ritardi

Torna su
MilanoToday è in caricamento