Rivoluzione trasporti Atm: Lambrate e Città Studi "mobilitati" per salvare il tram 23

Considerato un numero ormai "storico" per la fetta est di Milano

Il 23 in piazza Fontana (Instagram@Arangorn_23)

Tra le linee Atm che, dal 27 aprile, subiranno la "rivoluzione" annunciata dalla giunta di Milano, la linea tram 23: che scomparirà dalla cartina geografica dei trasporti milanesi. Il 23 sarà infatti integralmente sostituito dal tram 19, che non terminerà più in Cairoli (proveniente da Roserio) ma proseguirà fino a Lambrate, ricalcando appunto l'attuale percorso del 23.

Secondo il Comune di Milano si tratta di una razionalizzazione. Secondo gli abitanti dei quartieri di Città Studi e Lambrate, di una perdita di un simbolo storico delle loro zone. Di qui la protesta sui social network. In verità qualcuno paventa anche il timore che, con l'allungamento della tratta, possano moltiplicarsi eventuali blocchi del servizio dovuti, ad esempio, a incidenti stradali o ad automobili che sostano sulle rotaie.

Ma la gran parte di chi partecipa alle discussioni online sembra soprattutto non volere rinunciare al numero 23. Così anche una petizione su Change, secondo cui il problema risiede proprio nel numero storico (e nei mezzi con cui viene effettuato il servizio).

Tra modifiche alle linee di superficie del trasporto pubblico di Milano, che stanno entrando in vigore in questi giorni, è previsto che il tram 23 venga assorbito dal 19, prendendone il numero. Il 23 così sparirà e si avrà al suo posto un tram nuovo più grande, non più il vecchio tram che conosciamo, con un percorso diverso. Nonostante l'intenzione del Comune e di Atm di voler evitare ai passeggeri, che devono attraversare il centro, di cambiare tram sia rispettabile, la modifica del 23 significa la cancellazione di un simbolo "storico" per Lambrate e per tutta la zona est di Milano. Chiediamo, quindi, che il Comune e Atm cerchino una soluzione diversa, che preveda il mantenimento del 23 sia nella sua forma (tram piccolo di legno), che nel suo numero.

Mentre scriviamo, la petizione ha il sostegno di 520 persone, ma sono molte di più quelle che, su Facebook e Twitter, protestano contro Atm e il Comune di Milano. D'altronde sul web si possono trovare "pezzi" in cui si elogia la linea 23 definendola la linea dell'identità di Milano, visto che transita per piazza Fontana, Palazzo di Giustizia, il Politecnico, una via come viale Piave con negozi "di quartiere" e via dicendo. 

Senza togliere nulla a Lambrate, naturalmente, e ai simboli di una città, qualunque essi siano, sappiamo che il servizio pubblico di trasporti milanesi ha visto diverse linee cambiare numeri e percorsi, anche più volte nel corso del tempo. Per esempio, il tram di San Siro si chiamava 15, poi 24 (e andava verso Vigentino), ora 16 (e va verso l'Ortomercato). E nessun abitante di San Siro ha mai gridato allo scandalo per la perdita del numero. 

Tuttavia, si vive anche di simboli. Atm è pronta a partire, non c'è tempo ovviamente per cambiare le cose di nuovo all'ultimo momento: a Lambrate, giovedì 27 aprile, comparirà il tram 19 (sempre con le vecchie carrozze, comunque). Ma chissà che non si decida, nei prossimi mesi, di tornare alla vecchia denominazione (23) lasciando il nuovo percorso Roserio-Lambrate.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • Sciopero dei mezzi il 28, sciopero generale il 29: treni, metro e bus a rischio per due giorni

Torna su
MilanoToday è in caricamento