Tribunale accoglie ricorso di Mohammed Decreto regio “discriminatorio”

Dopo aver respinto un primo ricorso, il Tribunale da ragione a Mohammed: il decreto regio del 1931 che probisce ad Atm di impiegare cittadini non europei “è discriminatorio”. La società di trasporto pubblico dovrà ora “rimuovere la cittadinanza dai requisiti di selezione”

Il Tribunale di Milano ha parzialmente accolto il ricorso di Mohammed, il marocchino che non aveva potuto farsi assumere a causa di un decreto regio del 1931, che impedisce al servizio pubblico di assumere personale non italiano e non europeo.

Il Tribunale aveva respinto un suo primo ricorso, ma questa volta ce l’ha fatta. Il collegio ha dichiarato che la norma ha “carattere discriminatorio” e ha ordinato ad Atm “la rimozione della richiesta della cittadinanza tra i requisiti di selezione delle offerte di lavoro e delle proposte di assunzione, in moduli cartacei o telematici”
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento