Tribunale accoglie ricorso di Mohammed Decreto regio “discriminatorio”

Dopo aver respinto un primo ricorso, il Tribunale da ragione a Mohammed: il decreto regio del 1931 che probisce ad Atm di impiegare cittadini non europei “è discriminatorio”. La società di trasporto pubblico dovrà ora “rimuovere la cittadinanza dai requisiti di selezione”

Il Tribunale di Milano ha parzialmente accolto il ricorso di Mohammed, il marocchino che non aveva potuto farsi assumere a causa di un decreto regio del 1931, che impedisce al servizio pubblico di assumere personale non italiano e non europeo.

Il Tribunale aveva respinto un suo primo ricorso, ma questa volta ce l’ha fatta. Il collegio ha dichiarato che la norma ha “carattere discriminatorio” e ha ordinato ad Atm “la rimozione della richiesta della cittadinanza tra i requisiti di selezione delle offerte di lavoro e delle proposte di assunzione, in moduli cartacei o telematici”

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • Milano, auto piomba alla fermata del bus in via Novara: due investiti, gravissima una donna

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento