Milano, truffa con la casa in affitto su Bakeca: il "proprietario" è sparito nel nulla con i soldi

Un uomo ha denunciato il truffatore, ma non sarebbe l'unica vittima. Indaga la polizia

Le prime due volte che si erano incontrati era andato tutto perfettamente. La "visita" nell'appartamento, l'accordo, l'anticipo in contanti e la promessa di rivedersi il giorno dopo per saldare il conto e mettere tutto nero su bianco. Un nero su bianco che, però, non è mai arrivato perché il proprietario è scomparso con i soldi. E, almeno così sembra, non è la prima volta che riesce nella "magia". 

La polizia sta indagando su un truffatore che da qualche mese sta raggirando donne e uomini attraverso un finto annuncio su Bakeca.it per l'affitto di un'abitazione in via Capranica, in zona Lambrate. A rivolgersi agli agenti, lunedì pomeriggio, è stato un uomo di trenta anni caduto proprio nel raggiro dell'imbroglione. 

La vittima - ha raccontato lui stesso agli uomini dell'ufficio prevenzione generale della Questura - aveva contattato il fantomatico proprietario di casa proprio sul portale Bakeca.it e i due si erano scambiati messaggi e telefonate per fissare un primo appuntamento per vedere la casa. Dopo il primo incontro, ce n'è stato un secondo durante il quale l'uomo ha consegnato mille euro in contanti al truffatore per "bloccare" l'appartamento in vista della firma sul contratto, della consegna di altri 2.500 euro e della consegna delle chiavi, fissata per il giorno successivo. 

Lunedì pomeriggio, però, una volta arrivato in via Capranica, il trentenne ha scorto il "proprietario" di casa nascosto in una Lancia Y parcheggiata poco lontano e con al volante una seconda persona, un uomo di circa cinquanta anni. A quel punto, dopo aver visto la macchina allontanarsi in fretta e furia verso via Pacini, il truffato ha dato l'allarme. 

Gli agenti hanno immediatamente contattato l'amministratore di condominio, che ha spiegato che l'appartamento era di proprietà di una donna, morta qualche mese fa. Il professionista ha poi confermato di aver dato le chiavi ad un uomo che - anche attraverso alcune lettere firmate da un avvocato - si era presentato come padre degli eredi della signora, sottolineando la necessità di entrare nell'abitazione a causa di un allagamento.

Lo stesso amministratore ha poi raccontato di essere già stato contattato da altre persone che avevano dato mille euro ad un uomo "titolare" di un annuncio su Bakeca. Anche in quel caso, come da copione, il truffatore era sparito con i soldi. Ora la polizia è sulle sue tracce. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso incidente in tangenziale Est: donna infilzata dal guard-rail, gravissima

  • Dramma a Sanremo, turista milanese in vacanza muore annegata mentre fa il bagno

  • Milano, violenta rissa da Far West: due feriti gravi e un vigile colpito al braccio

  • Temporali di "forte intensità" in arrivo a Milano: scatta l'allerta meteo di codice giallo

  • Soffocata da boccone al pranzo di Ferragosto: milanese in vacanza muore dopo tre giorni

  • Milano, appuntamento all'alba per la "resa dei conti": rissa tra ragazzine in centro, due ferite

Torna su
MilanoToday è in caricamento