Mobili "rubati" o venduti a parenti con i prezzi falsi: maxi truffa da Ikea, 30 lavoratori nei guai

I lavoratori sono già stati sospesi, sono tutti iscritti nel registro degli indagati. I fatti

Foto repertorio

Avrebbero cambiato i cartellini dei prodotti con altri più vantaggiosi. Poi avrebbero affidato quegli stessi prodotti a parenti e amici per permettere loro di acquistare a prezzi chiaramente falsati. Il tutto sfruttando, evidentemente, la loro posizione lavorativa. 

Trenta dipendenti dell'Ikea di Corsico - che conta in totale circa 250 lavoratori - sono finiti in un'inchiesta della procura di Milano che ha ipotizzato i reati di truffa, furto e ricettazione. I magazzinieri e i cassieri infedeli avrebbero fatto uscire dal punto vendita centinaia e centinaia di prodotti pagati con cartellini falsi o, in alcuni casi, fatti sparire direttamente.  

Spiega Cesare Giuzzi sul Corriere della Sera

Scene che si sono ripetute per mesi, sempre con prodotti diversi, da poche decine di euro fino a centinaia. Prodotti che passavano alle casse come «bottiglie d’acqua minerale», «mensole», «cuscini» o «portapenne». E che spesso finivano nelle case di parenti e amici se non, come accertato in alcuni casi, nei mercatini «offro e vendo» del web.

I dipendenti coinvolti sono già stati sospesi dal servizio e hanno ricevuto negli ultimi tre giorni la lettera di avvio di un procedimento disciplinare per colpa grave.

La truffa - smascherata dai responsabili Ikea anche grazie ai filmati delle telecamere - era semplicissima: il codice a barre di un oggetto in vendita veniva sostituito con un altro di prezzo chiaramente inferiore e poi passato alle casse automatiche, così che nessuno degli altri lavoratori potesse accorgersi della truffa. 

Il "giro d'affari" non è ancora stato stimato, ma gli ammanchi sarebbero considerevoli. "Un’indagine interna ha svelato il grave comportamento di alcuni co-worker dello store di Corsico volto a danneggiare le risorse aziendali - ha spiegato il colosso svedese in una nota stringata -. Ikea sta prendendo i provvedimenti necessari per proteggere i propri co-worker e il proprio brand". 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Ora arrivano i sindacati ????

  • all' ikea di Corsico ci sono dei vigilanti che controllano cosa hanno comprato i clienti alle casse automatiche. Quindi controllavano solo quelli che non c'entravano con il giochino del cambio codice? chi controlla i controllori?

  • in casi simili dovrebbero licenziarli, ridurli al lastrico e fare restituire oltre ai danni tutti gli stipendi percepiti con interessi!!! VERGOGNA!!!

  • E' quel vizietto classico di noi Italiani di fregare il prossimo. Mi ricorda qualcosa negli aeroporti un po di anni fa. Fortuna che non sono molti.

    • 30 su 250 sono il 12%

      • mica pochi comunque

  • ma la gente perde un posto di.lavoro, magari indeterminato da a ikea per rubare 1.000 euro? ma la gente è matta. gli sta bene non ce nulla che li possa difendere. pagherete i vostri errori. ma.volete che nel 2020 non abbiamo tuttk sotto controllo i vari reparti di ikea. asta la vista

    • bravo meditate gente meditate

  • licenziateli è assumere 30 nuove persone. solo gli onesti meritano di lavorare

  • Specchio del paese

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Autista dirotta autobus con ragazzini e poi gli dà fuoco: "Da qui non esce vivo nessuno"

  • Attualità

    I 12 migliori ristoranti di Milano secondo Claudio Sadler

  • mobilità

    Apre il parcheggio della M2 Abbiategrasso: dentro Area B, off limits per auto inquinanti

  • Omicidi

    La cena, la lite e la "lotta" in casa: Roberta, uccisa dal fidanzato conosciuto 5 mesi fa

I più letti della settimana

  • Incendio bus sulla Paullese: autista dirotta e dà fuoco al mezzo: "Voglio vendicare i morti in mare"

  • Milano, a CityLife il tiramisù più lungo al mondo: pronte 15mila porzioni in omaggio

  • Incidente a Buccinasco, auto pirata investe famiglia e fugge: 4 bimbi travolti, tre sono gravi

  • Meningite, morta Federica: ragazza di 24 anni

  • Autista dirotta autobus con ragazzini e poi gli dà fuoco: "Da qui non esce vivo nessuno"

  • Senza biglietto, non scendono e bloccano il treno: "Siamo ambasciatori fuori da giurisdizione planetaria"

Torna su
MilanoToday è in caricamento