I finti corrieri e la truffa da oltre mezzo milione di euro ai "re del cashmere" di Loro Piana

In manette due uomini: un 29enne e un 31enne, esperti del settore. Come agivano

Con modi affabili e con un giro di parole sono riusciti a farsi dire che l'ordine era pronto per la spedizione. Così, dopo l'involontario assist della loro stessa vittima, hanno fatto scattare la fase due del piano, organizzando l'incontro e il ritiro. Purtroppo per loro, però, dopo un primo momento di "leggerezza" quella stessa vittima ha capito che qualcosa non andava e ha allertato i militari, che hanno fatto il resto. 

Due uomini - un 29enne e un 31enne, entrambi con precedenti ed entrambi di Napoli - sono stati arrestati giovedì pomeriggio dai carabinieri di Legnano con l'accusa di truffa per aver raggirato un'azienda di Castano Primo che si occupa di produrre maglie e maglioni per Loro Piana, il marchio italiano considerato leader nel commercio di abiti in cashmere. 

Ad allertare i militari del Nucleo Operativo - guidati dal tenente Domenico Cavallo - sono stati gli stessi responsabili della società milanese, che mercoledì mattina hanno ricevuto una telefonata da una ditta di spedizioni, o almeno presunta tale, che ha annunciato di dover ritirare gli abiti di Loro Piana. La chiamata, però, è sembrata strana ai titolari dell'azienda - per una serie di incongruenze con i corrieri reali -, tanto che hanno deciso di contattare il comandante della stazione di Castano Primo, il luogotenente Cosimo Paglialunga, segnalando a lui i loro dubbi. 

La finta consegna

Così, i militari hanno deciso di tessere la trappola e insieme all'azienda hanno organizzato la consegna della merce: sei colli da novanta maglioni ciascuno, che sul mercato "ufficiale" vengono venduti anche a mille euro e il cui valore totale supera quindi i 500mila euro. 

Giovedì pomeriggio alla 15 i due corrieri si sono presentati all'appuntamento, hanno caricato il furgone e sono andati via. Alle loro spalle, però, c'erano proprio i carabinieri che li hanno pedinati sperando che li portassero nel loro covo. 

Il blitz è scattato alla periferia di Busto Arsizio, dove i due si sono fermati per controllare la merce. A quel punto i militari sono intervenuti e li hanno bloccati. Nel camion dei truffatori - due veri esperti del settore - gli investigatori hanno anche trovato maglie, pettorine e casacche di praticamente tutte le società che si occupano di spedizione. 

È certo che i due - che si spostavano da Napoli per mettere a segno i colpi - le usassero per i loro raggiri. Negli ultimi quindici giorni avevano già colpito a Venezia e Macerata ed erano stati denunciati. Questa volta, invece, per loro sono scattate le manette. 

Foto - Le finte divise da fattorino

pettorine fattorini-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento