Tradito dalla diretta Facebook sul papa, arrestato truffatore seriale

Truffatore seriale, inviava letteralmente "pacchi" a chi comprava smartphone e lo pagava: scatole vuote. Latitante, è stato arrestato

Papa a Milano

I carabinieri della stazione Milano-San Cristoforo hanno arrestato un 50enne italiano, già noto alla giustizia, ricercato in quanto destinatario di 3 ordini di carcerazione emessi dalla Procura della Repubblica di Catania per la pena complessiva di 13 anni e 6 mesi per reati di truffa e reati di falso.

Gli uomini dell’Arma hanno rintracciato il ricercato all’esito di una meticolosa attività di indagine, condotta sia con metodi tradizionali che tramite il web screening, scaturita da alcune foto pubblicate sui social network che lo ritraevano in contesti milanesi.

L’uomo, che era specializzato in truffe su siti web di compravendita di smartphone e materiale elettronico, ricevendo ordini e denaro e non inviando i beni acquistati dai clienti, aveva fatto perdere le proprie tracce da circa due anni, dopo aver interrotto i rapporti con la famiglia e aver abbandonato l’abitazione in provincia di Siracusa, per ignota destinazione.

Avuta certezza che potesse trovarsi a Milano, gli uomini dell’Arma hanno iniziato a monitorare l’uomo sui social network, analizzando i materiali postati. In particolare, un video registrato durante il corteo del Papa in visita a Milano, pubblicato dal 50enne entusiasta di aver visto lo sfilamento davanti alla propria abitazione, ha permesso ai carabinieri di restringere le ricerche nella zona “Ponte Lambro”.

L’attuazione di servizi di osservazione discreta ha permesso di individuare l’appartamento, dove l’uomo si era stabilito, in completo anonimato, assieme alla nuova compagna. L’arrestato è stato portato a San Vittore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento