Milano, giornata nera per i turisti in città: una rapina, un furto e una violenza sessuale

Giornata nera per i turisti, quella di lunedì: si contano un paio di rapine e una violenza

Repertorio

Giornata nera per i turisti a Milano, quella di lunedì 12 agosto: si contano un paio di rapine e una violenza sessuale. In una città praticamente abbandonata dai suoi residenti e con i pochi rimasti rifugiati davanti ai climatizzatori delle proprie abitazioni, gli unici a popolare le strade sono i visitatori. E se per la gran parte la gita milanese riserverà solo lieti ricordi, non sarà così per alcuni di loro.

La turista 14enne abusata in Centrale

Nel primo episodio, avvenuto in Stazione Centrale, un uomo turco ha molestato una turista americana di 14 anni. Stando a quanto appreso da MilanoToday, succede tutto attorno alle 7.30 di lunedì, nella Galleria dei Mosaici. In pochi minuti si concretizza il momento più terribile per una famiglia statunitense in vacanza a Milano. Il 30enne, un senza fissa dimora, approfitta della ragazzina sfruttando l'unico attimo in cui la minore resta da sola insieme alla madre, perché il padre si allontana per andare alla toilette.

In quell'istante, il cittadino turco 'assalta' l'adolescente: le si avvicina e comincia a palparle il sedere con insistenza, lasciandola pietrificata. Alla reazione di sasso delle ragazzina, si contrappongono le urla della madre. Che costringono il 30enne a demordere. Ma, senza preoccuparsi di fuggire, per qualche minuto il molestatore sosta nei paraggi. Continua a fissare la 14enne, minaccioso. Fino a quando madre e figlia non vengono raggiunte dal padre.

I tre avvertono gli agenti della polfer. Sono loro che, grazie alle descrizioni e poi al successivo riconoscimento da parte delle vittime, rintracciano il turco. L'uomo, titolare di permesso di soggiorno per protezione sussidiaria, viene denunciato per violenza sessuale.

Turista scippata davanti alla Stazione Centrale

Poco dopo, sempre in Centrale, una ragazza tedesca di 29 anni viene scippata del cellulare mentre è seduta a parlare con il fidanzato su un muretto in piazza Duca D'Aosta. Il responsabile, in questo caso viene assicurato alla giustizia dai poliziotti delle volanti. Sono gli agenti, attirati dalle urla della coppia, a fermare un marocchino di 34 anni e a recuperare lo smartphone. Per il nordafricano si aprono le porte del carcere per furto.

Turista aggredito e rapinato in metro

Durante la notte tra lunedì e martedì, poco dopo la mezzanotte, a finire nella rete di due malviventi è un turista 38enne dell'Ecuador. Mentre viaggiava sulla linea M3 della metropolitana, altezza fermata San Donato Milanese, l'uomo viene accerchiato da una coppia di ragazzi che lo minaccia e lo rapina del cellulare e del denaro. Ad intervenire in questo caso sono i carabinieri del Radiomobile.

I militari, poco dopo la denuncia, rintracciano e fermano un 25enne libico e un 17enne marocchino in via Degli Umiliati a Ponte Lambro. Avevano ancora addosso la refurtiva. Il 25enne, tra l'altro, era destinatario di un mandato d'arresto per reati contro il patrimonio: dovrà scontare due anni, dieci mesi e quindici giorni di carcere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Puzza a Milano, odore fortissimo invade la città: boom di segnalazioni. La spiegazione

  • Incidente in tangenziale Est, tragico schianto tra due auto e un camion: due morti e due feriti

  • Milano, è morto il bimbo di 5 anni precipitato a scuola: prof e soccorritori con le lacrime

  • Milano, dramma a scuola: bimbo di cinque anni precipita nel vuoto dalle scale, è gravissimo

  • Incidente in tangenziale tra auto, furgone e tir: uomo e donna sbalzati sull'asfalto, morti

  • Tragedia nella notte a Milano, ragazza precipita nel vuoto e muore: indaga la polizia

Torna su
MilanoToday è in caricamento