Uccide la cagnolina della fidanzata per vendetta: Dna umano nel corpo

L'uomo, un trentacinquenne del Ghana, ha causato all'animale ferite mortali che hanno costretto i veterinari a sopprimere il cagnolino. Potrebbe trattarsi di una vendetta nei confronti della donna

L'animale è stato soppresso - Foto repertorio

L’ha seviziata a lungo. Le ha compresso la cassa toracica e le ha danneggiato gli organi interni. Forse, questa l’ipotesi orribile della procura, l’ha anche “violentata”, come dimostrano le tracce di Dna umano trovato nel corpo ormai stremato e straziato. 

Un trentacinquenne del Ghana, disoccupato, irregolare e pregiudicato, risulta indagato dalla procura di Milano per maltrattamento di animale dopo la denuncia della fidanzata, una donna residente in Bovisa, che lo ha indirettamente accusato della morte della sua amata cagnolina. 

L’animale, una meticcia di un anno e mezzo di circa trentacinque chili, è stata soppressa dai veterinari dell’Enpa perché giudicata ormai “irrecuperabile” a cause delle ferite. 

La padrona della cagnolina, racconta Franco Vanni su “La Repubblica”, circa due mesi fa si era rivolta all'Enpa, spaventata dalle condizioni del cane. Condizioni che, secondo i veterinari, erano frutti di maltrattamenti e sevizie. I dubbi della donna si erano immediatamente concentrati sul suo compagno, l’unico che avesse modo di passare del tempo da solo con il cane. 

Nonostante i disperati tentativi dei medici, l’Enpa non ha potuto far altro che sopprimere il cane, ucciso praticamente - come confermano le analisi - “da maltrattamento umano”. La cagnolina, al momento della morte, presentava tracce di Dna umano nel corpo: un particolare che potrebbe essere molto utile agli inquirenti per stabilire con precisione le eventuali responsabilità del trentacinquenne indagato. 

Al momento, però, dell’uomo non c’è traccia. La polizia locale sta lavorando per trovarlo dopo che la compagna lo ha allontanato da casa. Le ricerche, racconta ancora “La Repubblica”, si estendono all'hinterland, a nord est di Milano. 

L'uomo non ha un lavoro fisso, ha una condanna per spaccio alle spalle e non ha un permesso di soggiorno. Per due volte, inoltre, è stato destinatario di un "foglio di via”. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Pregiudicato clandestino senza permesso ..... L'Italia va così... Ti ammazzano e non sai e o chi è stato. Ma come può uno Stato permettere tutto questo. La politica è troppo distante da tutto questo.

  • Questi disgustosi esseri umani (o pseudo tali) che non amano e rispettano gli animali, li vorrei prima percuotere pesantemente e poi farli morire di stenti : ma quando renderemo adeguato a questi reati il codice penale ??

    • Dì "cani e catti" invece di "animali", grazie. Visto che stasera dubito ti farai mancare la costata doppia pancetta con branzino gorgonzola e frittata provenienti da Animali che hanno vissuto una vita di detenzione e dolore.

  • chi uccide va ucciso! Punto e stop

  • NON POSSO LEGEGRLE QUESTE COSE! Una volta trovato il porco schifoso, per la morte procuratra ad una cagnettta innocente DEVE MORIRE!! Pena di morte! pena di morte! Che schifezza di essere: cosa ha fatto questa povera piccina per essere seviziata?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Altro incidente sul lavoro a Milano: operaio colpito alla testa da un tubo d'acciaio, ferito

  • Cronaca

    Va in giro per Milano armato di ascia e si "apposta" fuori da un bar: fermato dai ghisa

  • Incendi

    Incendio a Baranzate: esplosione, fiamme e fumo nell'azienda che tratta rifiuti speciali

  • WeekEnd

    Cosa fare a Milano dal 19 al 21 gennaio

I più letti della settimana

  • Ubriaco non dà la precedenza e travolge una famiglia: l'incidente fa due morti, arrestato

  • Grave incidente a Milano, schianto tra due auto in via Cosenz: due morti e quattro feriti

  • Milano, ecco il locale di Black Mirror: il ristorante del futuro dove si paga con i like

  • Parte un colpo di pistola "per sbaglio": una studentessa 21enne uccisa dal suo fidanzato

  • Incidente in un'azienda che lavora metalli, sei operai intossicati: tre morti, un altro è grave

  • Incidente in via Astesani, davanti la fermata di Affori FN: strada chiusa e traffico in tilt. Foto

Torna su
MilanoToday è in caricamento