Uccise la figlia per gelosia: in permesso premio dopo vent'anni di carcere

La donna è condannata all'ergastolo e detenuta a Bollate

Dopo vent'anni di detenzione ha avuto un permesso premio per Natale: è la 60enne Rosalia Quartararo, una delle 26 donne condannate all'ergastolo in Italia.

La donna, che per la prima volta nella sua vita ha usato un telefono cellulare, uccise nel 1993 a Pozzuolo Martesana, in provincia di Milano, la figlia Maria Concetta Romano, di 18 anni, perché la ragazza aveva una relazione con un guardiacaccia, allora 50enne, del quale era invaghita anche lei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi, con l'aiuto del convivente, aveva gettato il corpo in una roggia nella zona di Lodi. Rosalia Quartararo ha trascorso il Natale presso una associazione di volontariato, dove ha pranzato anche con una delle altre due figlie. Dopo 12 ore di permesso è rientrata nel carcere di Bollate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

Torna su
MilanoToday è in caricamento