Aggressione ai vigili del fuoco in via Gola, i residenti: "Chiediamo riqualificazione"

La denuncia: "Decenni di abbandono, assenza di presidio da parte delle istituzioni, mancanza di ogni forma di manutenzione ordinaria e straordinaria delle case"

I pompieri al lavoro per spegnere incendio

Decenni di abbandono, assenza di presidio da parte delle istituzioni, mancanza di ogni forma di manutenzione ordinaria e straordinaria delle case. Sono queste secondo le associazioni del quartiere di via Gola le ragioni del degrado, dell'illegalità e dei fenomeni criminali tra cui quello gravissimo avvenuto a Capodanno, quando i vigili del fuoco sono stati accerchiati e presi a bottigliate mentre cercavano di spegnere un incendio.

L'appello

"I gravi fatti accaduti la notte di Capodanno in via Gola e in via Pichi - si legge in una nota di Spazio Aperto Servizi, Occupiamoci di via Gola, Amapola, Bei Navigli MuMi Ecomuseo Milano Sud, Fondazione Elio Quercioli, La Casa delle Artiste, La Grande Fabbrica delle Parole - sono soltanto l’ultimo episodio di degrado e illegalità non più tollerabili. Nell’esprimere la nostra più totale solidarietà ai vigili del fuoco vittime di questo vile gesto, con altrettanta forza chiediamo che i responsabili siano individuati e perseguiti".

I presidi sociali attivi in via Gola, via Pichi e via Borsi hanno chiesto alle istituzioni di “condividere un progetto complessivo di rigenerazione del quartiere consapevoli che questa potrà essere la soluzione efficace e duratura ai problemi che da troppo tempo impattano sulla vita delle persone". Secondo le associazioni che a vario titolo operano nel quartiere la soluzione è da cercare proprio nelle attività di animazione e promozione sociale, oltre che di rigenerazione urbana e cittadinanza attiva. Il progetto da realizzare in concerto con le istituzioni dovrebbe inoltre essere "in grado di preservare la natura pubblica degli immobili e la destinazione di edilizia sociale/popolare", come si legge in una nota delle realtà di zona.

"Quello che chiediamo - scrivono le associazioni - è la condivisione di una road map che preveda: innanzitutto la sottoscrizione di un protocollo tra istituzioni e organizzazioni sociali nel quale sancire i reciproci impegni per la rigenerazione del quartiere di edilizia pubblica di via Gola, via Pichi e via Borsi; poi la progettazione degli interventi di manutenzione straordinaria e delle azioni di accompagnamento alla riqualificazione delle case e degli spazi comuni con la collaborazione dei cittadini e dei presidi sociali del quartiere; la realizzazione della riqualificazione del quartiere, garantendo informazione e accountability su modi, tempi e impatti dei cantieri; infine l’avvio della gestione del nuovo quartiere in condizione di mix sociale e abitativo e la promozione di nuove attività culturali e sociali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Riapre corso Plebisciti: via libera alle auto dal 29 gennaio, come cambiano i mezzi Atm

Torna su
MilanoToday è in caricamento