Vigile in malattia, ma fa il bagnino in spiaggia: condannato

Un agente di polizia locale doveva essere a casa in malattia ma per tre estati di seguito era al mare in Calabria. Scoperto grazie a Facebook

Truffa ai danni dello stato: condannato vigile

Aveva finto una malattia per tre estati di seguito, per poter continuare a percepire lo stipendio da vigile urbano di Milano, ma in realtà faceva il bagnino al mare, in Calabria. Smascherato per avere "postato" su Facebook alcune fotografie in spiaggia, è stato condannato per truffa a un anno e mezzo di carcere, oltre a 800 euro di multa.

Condannati anche due medici compiacenti, che avevano certificato il suo stato di malattia. Secondo i certificati, l'agente di polizia locale, M.D., aveva subìto alcuni infortuni sul lavoro di lieve entità ma non era mai completamente guarito. La vicenda riguarda le estati del 2008, 2009 e 2010.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Darsena zeppa di rifiuti e alghe: il triste spettacolo dell'inciviltà

    • Cronaca

      Incidente in Piazzale Cantore, si è costituito il pirata della strada: è un ragazzo di 27 anni

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Lombroso, schianto tra motocicletta e bici: un morto e un ferito grave

    • Cronaca

      Sciopero dei treni a Milano giovedì e venerdì 30 settembre: orari e informazioni

    I più letti della settimana

    • Dolce e Gabbana apre la sua prima boutique in Montenapoleone: cena di gala in strada | Foto

    • Perché a Milano i cinesi non muoiono? In Paolo Sarpi ancora nessuno nel 2016

    • Sciopero dei treni a Milano giovedì e venerdì 30 settembre: orari e informazioni

    • Cerca di strangolare un ragazzino di 14 anni alla fermata del bus per rubargli l'Iphone 7

    • Milano, top model “aggredita” in strada da un fan: ma lei lo fa scappare a calci e gomitate

    • Milano, donna di 57 anni investita da un treno nella stazione di Certosa: è in fin di vita

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento