Consegnata a Libera una villa confiscata alla mafia

L'immobile è stato sequestrato a Trezzano sul Naviglio nel 2000. Ora avrà nuova vita

La villetta

Una villetta a tre piani, a Trezzano sul Naviglio, confiscata alla mafia nel 2000 è diventata il quartier generale di Libera, l'organizzazione di Don Ciotti che coordina le associazioni antimafia. L'immobile, in via Leonardo da Vinci 243, venne sequestrato al narcotrafficante Salvatore Di Marco.

Nella villa troveranno spazio una biblioteca e un negozio di prodotti provenienti, anch'essi, dai beni confiscati. Saranno anche organizzate attività ed eventi aperti al pubblico, in un territorio particolarmente "sensibile" dato che conta qualcosa come un immobile confiscato ogni mille abitanti.

La villetta è stata messa a bando dal commissario prefettizio Giuseppa Scaduto ed è stata intitolata ad Angelo Vassallo, sindaco di Pollica (Salerno) ucciso nel 2010 dalla camorra.

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel?

  • Perchè alcune persone vengono punte dalle zanzare e altre no?

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

  • Come avere labbra carnose ed ottenere un effetto volumizzante

I più letti della settimana

  • Milano, una notte di fuoco in via Palmanova: furioso incendio nel centro commerciale. Foto

  • Marco, il ragazzo trovato morto in piscina a Milano: la tragedia dopo un bagno di notte

  • Studentessa 22enne della Bocconi morta a Napoli: è precipitata dal settimo piano

  • Follia su un volo Air Italy per Malpensa: uomo impazzisce e aggredisce tutti, aereo costretto a tornare

  • Bimba ha un tumore al cuore: salvata a Milano con il primo intervento con gli ologrammi

  • Lavoro, il Comune di Milano assume: aperte 350 posizioni, ecco dove inviare i curriculum

Torna su
MilanoToday è in caricamento