Violenta la cugina di 13 anni ripetutamente per un anno: "Altrimenti dico ai tuoi che fumi erba"

L'uomo, un 38enne, è stato condannato a sei anni di carcere. Ricorrerà in appello

Repertorio

Ricorrerà in appello. Lo ha detto il suo avvocato Fernando Brenga, che si dice convinto della sua innocenza. Non è così per il gip Stefania Pepe, che lo ha condannato a 6 anni di carcere per violenza sessuale nei confronti della cugina 13enne.

Una storia familiare fatta di molestie, durate un anno intero. L'uomo, A. J. B., 38enne di Corsico, si prendeva cura della ragazzina ogni volta che la madre e il padre non potevano rimanere con la minore.

Per costringere la ragazza al silenzio usava ritorsioni del tipo: "dico ai tuoi genitori che fumi marijuana" e le intimava "voglio essere il primo a farlo con te, lasciata andare". Il tutto nella propria abitazione, quando la sua compagna era assente.

Un incubo andato avanti dal febbraio 2016 ad aprile 2017, come racconta Repubblica. Poi ad agosto del 2017 la denuncia da parte della 13enne con la madre e l'inizio del processo.

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

I più letti della settimana

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Dramma a Sanremo, turista milanese in vacanza muore annegata mentre fa il bagno

  • Omicidio suicidio a Milano: ammazza il fratello a coltellate, poi si impicca al balcone di casa

  • Milano, violenta rissa da Far West: due feriti gravi e un vigile colpito al braccio

  • Temporali di "forte intensità" in arrivo a Milano: scatta l'allerta meteo di codice giallo

  • Zibido, si schianta con l'auto della mamma alla rotatoria: Francesco muore sul colpo a 32 anni

Torna su
MilanoToday è in caricamento