Ragazza violentata da Robinho alla sua festa: lo stupro nel guardaroba di una discoteca

L'ex calciatore del Milan condannato a 9 anni. La ricostruzione dello stupro secondo il pm

Robinho ai tempi del Milan - Foto Ansa

L'avrebbero fatta bere fino a farla ubriacare. Quindi, l'avrebbero trascinata di peso in un angolo nascosto del locale per approfittare di lei. Poi, avrebbero commentato la loro "impresa" in alcune telefonate intercettate e registrate dagli investigatori. E proprio quelle telefonate hanno messo nei guai il "branco". 

Si sarebbero traditi da soli Robinho - ex calciatore del Milan - e i suoi amici, tutti accusati di violenza sessuale di gruppo su una ragazza di ventidue anni. L'ex rossonero e un suo amico sono stati condannati giovedì dalla nona sezione del tribunale di Milano, presieduta da Mariolini Pransiti, a nove anni di carcere, mentre per altri quattro giovani - che pure avrebbero preso parte alle violenze - il processo è stato sospeso perché sono irrintracciabili. 

I giudici, quindi, hanno accolto le ricostruzioni del pm Stefano Ammendola, che per l'attaccante ora in forza all'Atletico Mineiro aveva chiesto un anno di cella in più.

L'ex Milan e i suoi cinque amici, stando alle indagini, avrebbero incontrato la vittima - una ragazza albanese che quella sera, il 23 gennaio 2013, festeggiava il suo 23esimo compleanno - in un noto locale di zona Bicocca. Per qualche minuto, Robinho si sarebbe allontanato dalla discoteca per accompagnare a casa sua moglie ma sarebbe poi tornato lì e avrebbe raggiunto nuovamente i suoi amici. A quel punto, i sei avrebbero "conquistato" la vittima, che già conosceva Robinho, e avrebbero iniziata a farla bere con - parole del pm - "modalità insidiose e fraudolente". 

Quando la ventitreenne è diventata - scrive sempre il pm - "incosciente e incapace di opporsi", Robinho e gli amici l'avrebbero portata di peso nel guardaroba del locale e lì avrebbero abusato di lei a turno. Era stata la stessa vittima, sei mesi dopo, a denunciare lo stupro, dando il là alle indagini che sono poi terminate con le condanne di giovedì. 

L'avvocato di Robinho, il legale Alessandro Keller, ha sottolineato - dopo la condanna - che non ci sono elementi probatori per sostenere che la ragazza era incosciente e che non avesse acconsentito al rapporto sessuale. Lo stesso calciatore, invece, ha affidato a Instagram le sue parole: "Sulle notizie riguardanti un fatto accaduto alcuni anni fa - hanno scritto dal suo 'staff' - abbiamo chiarito che si era già difeso dalle accuse, affermando che non aveva partecipato all'episodio. Sono già state adottate tutte le misure legali per questa decisione di primo gradi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È praticamente certo quindi che Robinho, che ora si trova in Brasile e si è detto "disgustato e triste", deciderà di ricorrere in Appello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, morto barista milanese di 34 anni: lascia un bimbo di 1 anno

Torna su
MilanoToday è in caricamento