Corso Buenos Aires diventerà zona pedonale

Al via la sperimentazione ogni seconda domenica del mese

Uno scorcio di corso Buenos Aires

Partirà ad aprile la sperimentazione della zona pedonale di corso Buenos Aires. 

Ogni seconda domenica del mese, infatti, l'arteria sarà chiusa al traffico: questo, da quanto è stato espresso da Palazzo Marino (anche se non c'è ancora l'ok ufficiale), fino a novembre (tranne agosto). Se il Comune sarà contento dei risultati, il provvedimento verrà reso permanente. 

Un'iniziativa, questa, creata ad hoc per rivitalizzare il commercio e dare più forza al corso. 

"Siamo molto soddisfatti — dice Renato Sacristani, presidente del consiglio di Zona 3 a Repubblica — Questa iniziativa renderà più vivo un intero settore della città, e così facendo si porta avanti il discorso cominciato con Area C: investire sulla mobilità dolce per migliorare la qualità della vita".

"La notizia della partenza della sperimentazione ci riempie di gioia — dice Luigi Ferrario, presidente dell’associazione e della rete cittadina di commercianti Le Vie dello Shopping al quotidiano —. La domenica a piedi una volta al mese sarà una boccata di ossigeno per gli affari. Corso Buenos Aires è servito da due linee di Metropolitana e ospita tre diverse fermate. Dalla stazione Centrale si può addirittura arrivare a piedi, e ci sono poi i tre stalli per le bici di BikeMi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella strada chiusa al traffico, di mese in mese saranno organizzate iniziative diverse. A stabilire quali collaborazioni saranno attivate, e in quale ordine cronologico, sarà il Duc, il Distretto unico del commercio a cui partecipano commercianti, comitati dei residenti e rappresentanti delle istituzioni. "Ci piacerebbe coinvolgere Coldiretti, così come le associazioni sportive — dice Sacristani — quello che possiamo garantire già ora è che si tratterà comunque di un’offerta di qualità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

  • All'Antico Vinaio a Milano, il 15 giugno apre il mitico locale delle schiacciate fiorentine

Torna su
MilanoToday è in caricamento