Morto il compositore Giorgio Gaslini: fu autore di "Profondo rosso"

Si è spento martedì nel Parmense, a Borgotaro, Giorgio Gaslini, uno dei più conosciuti e apprezzati compositori jazz italiani: fu anima dei film di Antonioni e Argento

Giorgio Gaslini (foto sito ufficiale)

Si è spento martedì nel Parmense, a Borgotaro, cittadina emiliana che aveva scelto come 'buen retiro' negli ultimi anni di vita, Giorgio Gaslini, uno dei più conosciuti e apprezzati compositori jazz italiani. Negli ultimi anni aveva spesso collaborato con il ParmaJazz Frontiere Festival

Milanese, 84 anni, era ricoverato da un mese dopo una brutta caduta. Aveva iniziato a suonare il pianoforte a 7 anni, e aveva presto capito che sarebbe stato il suo futuro. I primi passi nella scena musicale meneghina, poi l'esplosione come autore, direttore d'orchestra, pianista jazz (genere ai tempi poco conosciuto). Ha diretto e suonato oltre 4mila concerti in tutto il mondo. 

E' famoso per aver composto musiche per film di Michelangelo Antonioni e Dario Argento - fu l'autore del motivo di Profondo rosso nel 1975 -, ma in pochi sanno che è stato anche pittore apprezzato, soprattutto negli anni recenti, con diverse personali all'attivo. 

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • Milano, polizia locale in lutto: morta Stefania, vigilessa di 40 anni della centrale operativa

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Morto il musicista milanese 'Marione': fu il chitarrista di Battiato

Torna su
MilanoToday è in caricamento