A Milano c'è il liceo in stile università: al Parini le lezioni da seguire le scelgono gli studenti

Ha esordito Faber quisque, l'esperimento voluto dal preside che dà tanta libertà agli studenti

La novità al Parini

Per chi vuole tenersi sempre aggiornato c’è l’ora di “lettura dei quotidiani”. Chi, invece, ha voglia di seguire la propria passione può cimentarsi con le lezioni di “lingua del calcio”. Per tutti gli altri, che vogliono restare più sul classico, ci sono decine e decine di corsi che variano tra storia, greco, latino, italiano e laboratori di scrittura. 

Saranno gli studenti del liceo Parini, almeno in parte, a scegliere cosa studiare in questo nuovo anno scolastico appena iniziato. Il merito, l’idea, sono del dirigente Giuseppe Soddu, che ha deciso di provare a trasformare il proprio istituto in una sorta di università, anche se in piccolo. 

Dallo scorso lunedì, infatti, grazie al progetto “Faber quisque” allo storico Parini gli studenti hanno alcune ore “slegate” dall’orario classico e dedicate a corsi e lezioni che loro stessi hanno deciso di seguire. 

“Gli studenti, attraverso il registro elettronico, si iscrivono alle attività di laboratorio, di approfondimento o di consolidamento in base a interessi, talenti, desideri e bisogni, seguendo anche le indicazioni personalizzate dei docenti”, spiega la stessa scuola. 

“Le lezioni hanno durata di cinquanta minuti e sono affiancate da attività opzionali per classi aperte, progettate e realizzate dai docenti del Parini”. Fisso il calendario: “Le attività opzionali sono collocate alla prima ora del giovedì per il ginnasio e del venerdì per il liceo, in coda alla mattinata o al pomeriggio dalle 14:00 alle 16:30”. 

Lo stesso Parini ha introdotto altre due piccole, grandi novità: “l’ora” scolastica di cinquanta minuti e la divisione per bimestri, con i corsi liberi che cambieranno ogni sei mesi.  La rivoluzione parte dal Parini. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, guardia giurata travolge motociclista, vede che è morto e si spara in testa: il dramma

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • Milano, guardia giurata di 26 anni si spara in testa dopo un incidente mortale: chi era Flavio

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

  • Sciopero dei mezzi il 28, sciopero generale il 29: treni, metro e bus a rischio per due giorni

Torna su
MilanoToday è in caricamento