menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Ora è ufficiale, Expo torna a vivere: le mostre della Triennale trovano posto nei padiglioni

Sei esposizioni della XXI Triennale internazionale di Milano saranno allestite nei padiglioni che ospitavano il Future food district e l'Auditorium. Anche il Cardo si rianimerà

Le esposizioni dovrebbero iniziare il 1 maggio - Foto repertorio

Dalla sfida per un futuro sostenibile all’eccellenza artistica. Cambia il soggetto, ma non lo sfondo, che resta sempre quello di Expo. Dopo tante voci e tanti possibilità per non sprecare il futuro di quello che è stato il teatro di Expo 2015, è arrivata l’ufficialità: i cancelli di Rho Fiera, molto presto, torneranno ad aprirsi. 

Tutto merito della Triennale che ha deciso di esporre in alcuni padiglioni ex Expo il gruppo di mostre “City After the City” organizzate per la XXI edizione internazionale della Triennale di Milano. A dare il tanto atteso annuncio è stato lo stesso presidente dell’ente, Claudio De Albertis, a margine della presentazione del programma della grande esposizione che torna in città a venti anni dall’ultima volta e che si terrà dal 2 aprile al 12 settembre 2016. 

L’esordio a Rho, salvo miracoli, dovrebbe slittare al primo maggio per permettere alcuni lavori di messa in sicurezza a causa delle operazioni di dismantling che stanno andando avanti in questi giorni, per poi proseguire fino a fine anno. E non è escluso, dato che Roberto Maroni sembrava tenerci tanto, che l’arrivo della Triennale possa essere anticipato dal grande concerto per la riapertura che il numero uno di regione Lombardia aveva promesso

I padiglioni interessati dalle mostre della Triennale saranno quelli che ospitavano il Future food district e l'Auditorium. Rivivranno, però, anche alcuni spazi tra i due padiglioni - dove sarà installato un “orto planetario” - e il cardo, che potrebbe ospitare alcune attività. 

Il nero su bianco con la società Expo per la realizzazione della mostra ancora non c'è, "ma - ha giurato il presidente della Triennale - la firma del contratto è soltanto una formalità burocratica. Abbiamo avuto tutte le rassicurazioni che la mostra si farà”. 

L’ingresso da cui accederanno i visitatori, che potranno acquistare un “season pass” da 22 euro con ingressi illimitati o un ticket singolo da 15, dovrebbe essere quello della passerella di Cascina Merlata. La strada che, ormai è ufficiale, porterà Expo alla sua nuova vita. 

La XXI Triennale internazionale, però, non riaccenderà le luci solo su Expo. Grandi protagonisti saranno anche la Triennale di viale Alemagna e il suo Museo del Design, lo spazio Base di via Bergognone e l'HangarBicocca di Pirelli. E ancora: la Fabbrica del Vapore, le università Iulm e Politecnico, il Mudec, il Museo Diocesano, il Museo nazionale della Scienza e della Tecnica e il Palazzo della Permanente. Dopo Expo, quindi, tutto il mondo guarda di nuovo a Milano. 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Bambino di tre anni investito da un’auto: ferito, l'autista pestato a sangue in strada

    • Cronaca

      Sciopero Trenord, Trenitalia e Italo il 24 e 25 maggio: stop di 21 ore ai treni e rischio caos

    • Cronaca

      Tromba d'aria con forte grandine tra Sudmilano e alto Pavese

    • Cronaca

      Sciopero treni, 21 ore di stop per Trenord, Trenitalia e Italo: orari e fasce di garanzia

    Torna su