Si spegne Nando Miglio, icona del mondo delle passerelle milanesi

Tante le sue campagne pubblicitarie, dalle foto di Irving Penn per Gucci a quelle di Helmut Newton per Mario Valentino, dalle immagini di Dominique Isserman per Genny a quelle di Albert Watson per Byblos

Nando Miglio

Sabato 6 giugno 2015 è deceduto Nando Miglio, nella sua casa nel Padovano. Era una figura importante nel mondo della moda italiana e delle passerelle milanesi. Inizia come art director aprendo la sua agenzia a Milano a metà degli anni settanta, quando stava nascendo il Made in Italy.

Tante le sue campagne pubblicitarie, dalle foto di Irving Penn per Gucci a quelle di Helmut Newton per Mario Valentino, dalle immagini di Dominique Isserman per Genny a quelle di Albert Watson per Byblos. Senza contare gli allestimenti e le sfilate che possono vantare un po' del suo estro stilistico e della sua creatività eclettica.

Nando Miglio ha trascorso una vita tra stilisti e creativi: famosi i suoi allestimenti a Pitti con centinaia di manichini, cercando di “slegarsi” dal concetto classico di sfilata. Negli anni è passato dalle sfilate alle presentazioni perché alla ricerca di una nuova creatività; per lui allestire uno spazio vuoto, collocando il prodotto in un contesto preciso, significava valorizzare meglio l’abito e la donna che l’avrebbe indossato. Per l’abbigliamento maschile invece amava il dettaglio, capire il tessuto, potersi avvicinare, anche per valutare al meglio il prodotto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra gli allestimenti più belli quello della prima collezione di Hugo Boss prodotta da Marzotto, quando riempì uno spazio di 3 mila metri quadrati! Nando Miglio lo ricordiamo così: un uomo pieno di fascino, un gentleman, un regista raffinato ed elegante che ha rappresentato la Moda in tutte le sue declinazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, morto barista milanese di 34 anni: lascia un bimbo di 1 anno

  • Violente risse nella notte: uomo trovato con avambraccio squarciato

  • Coronavirus, persone asmatiche e allergiche devono temere il contagio più di altre?

Torna su
MilanoToday è in caricamento