Milano, dopo il lockdown riapre il Museo della Scala

Il Museo Teatrale alla Scala riapre da sabato 20 giugno con un percorso modificato, nuove misure di sicurezza e formule per le famiglie

Dopo mesi di lockdown il Museo Teatrale alla Scala riapre da sabato 20 giugno con un percorso modificato, nuove misure di sicurezza e formule per le famiglie. Il salotto della musica milanese riprende ad accogliere il pubblico che potrà ammirare le collezioni, l’affaccio alla sala del Piermarini e la mostra “Nei palchi della Scala”, che è stata prorogata fino al 30 settembre.

La riapertura

Sabato 20 giugno la riapertura del Museo Teatrale alla Scala segnerà il primo passo verso la ripresa delle attività del Teatro e la prima occasione per i milanesi per ritrovare gli spazi del Piermarini. Sarà di nuovo possibile visitare le collezioni storiche e il Foyer Toscanini e affacciarsi alla sala storica del Teatro attraverso i palchi. “Nei palchi della Scala - Storie milanesi” è anche il titolo della mostra curata da Pier Luigi Pizzi - con catalogo edito dall’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani - che dopo il grande successo dei primi mesi e il periodo di forzata chiusura è stata prorogata fino al 30 settembre.

I dipinti da (ri)scoprire

Al Museo i visitatori ritroveranno dipinti come “La facciata del Teatro alla Scala” di Angelo Inganni, “Strumenti musicali” di Evaristo Baschenis e i ritratti di divi e dive del canto da Giuditta Pasta a Maria Callas, mentre tra le sculture spiccano i busti di Nicola Tacchinardi, del Canova, e di compositori come Verdi, Rossini e Wagner. La mostra sui palchi e i palchettisti compone invece un’autentica storia sociale della Scala a partire da un’indagine sui proprietari dei palchi, concludendosi con una carrellata di personaggi della storia e della cronaca degli anni ‘50 e ‘60, tra cultura, eleganza e mondanità.

Si rinnova in questo momento anche l’importante sostegno dei Partner del Museo e della Mostra: JTI (Japan Tobacco International), Partner istituzionale del Museo Teatrale alla Scala, la proficua collaborazione tra l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani e il Teatro alla Scala, volta a tutelare e diffondere l’immenso patrimonio culturale del nostro Paese grazie anche alla pubblicazione dei cataloghi delle Mostre.

Continua con un supporto a tutte le attività del Museo la partnership con La Cimbali e MUMAC, Museo della macchina per caffè di Gruppo Cimbali, nata in occasione della mostra dedicata all’opera Madama Butterfly nel 2017, oltre alla presenza del Partner tecnologico LG SIGNATURE con l’iconico OLED Wallpaper TV.

Le norme anti-Covid

"In queste settimane la direzione del Museo ha lavorato per creare le condizioni per una visita in totale serenità e sicurezza, che garantisca la possibilità di godere in assoluta tranquillità l’esperienza di uno dei musei teatrali più importanti del mondo" scrivono gli organizzatori. "Gli orari di apertura sono stati rivisti ripristinando la pausa tra le 13:30 e le 14:30 che permetterà di aerare e sanificare i locali e il percorso di visita è diventato unidirezionale con accesso dall’ingresso delle Gallerie e uscita dalla “Scala Botta”". Alle possibilità esistenti si aggiunge una nuova formula dedicata alle famiglie, che propone l’ingresso di 2 bambini di meno di 12 anni accompagnati da 2 adulti al prezzo speciale di 10 euro. Riprendono anche le visite guidate, della durata di un’ora per gruppi di non più di 5 persone, alla mostra “Nei palchi della Scala” e ai palchi storici.

L’ingresso al Museo avverrà solo su prenotazione e un sistema di conteggio automatico permetterà di contingentare gli ingressi, che non supereranno le 30 persone ogni mezz’ora per un totale di massimo 60 persone distribuite tra i due piani del Museo, il Ridotto e l’accesso ai palchi, nei quali potrà entrare solo una persona per volta (due se appartenenti al medesimo nucleo familiare). Il sistema permetterà inoltre il monitoraggio delle sale più esposte al rischio di assembramento. Un termoscanner misurerà la temperatura ai visitatori all’ingresso e dispenser di liquido sanificante saranno disposti all’ingresso, nelle sale, nel Ridotto e nel corridoio di accesso ai palchi. Ai visitatori sarà richiesto di indossare la mascherina e se possibile i guanti. Saranno spenti gli schermi interattivi in modalità touch, ma i visitatori potranno accedere alle medesime informazioni scaricando la app del Museo sul loro telefono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per informazioni sugli orari di ingresso e sul costo del biglietto si rimanda al sito dedicato.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Covid, nuova ordinanza sulle mascherine in Lombardia: quando è obbligatoria, quando no

  • Orrore a Milano, stuprata in pieno giorno sul Monte Stella: indaga la polizia

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

Torna su
MilanoToday è in caricamento