Commercialista esperto in frodi fiscali arrestato per riciclaggio. Tra i clienti anche Ducati

L'uomo aveva scritto un manuale tecnico sul tema. La casa motoristica ha subìto una perquisizione in sede

(Pixabay)

Sovrafatturavano spazi pubblicitari nelle manifestazioni motoristiche sportive di altissimo livello, come i gran premi di MotoGp o Formula 1, poi riportavano i contanti in Italia alle aziende clienti per almeno 100 milioni di euro. Sette persone sono ora indagate dalla procura di Milano per frode fiscale (su attività lecite) e riciclaggio di denaro. 

I due principali indagati, sottoposti a fermo di polizia, sono il commercialista Giancarlo Cervino e l'imprenditore Massimo Alvares. Il primo, con studio principale a Roma, è anche presidente dell'Associazione italiana sviluppo marketing e si occupa di consulenza industriale in Austria. Il secondo, bolognese, è attivo nel mondo delle sponsorizzazioni sportive. 

Cervino è stato fermato al Golf Club di Lainate, dove alloggiava appena arrivato da Innsbruck, e stando alle intercettazioni telefoniche dei giorni precedenti sarebbe stato in procinto di scappare a Dubai o forse nei Caraibi. Di sicuro aveva una valigetta con 400 mila euro in contanti. E' probabile, per gli investigatori, che i viaggi da Innsbruck (in auto) servissero proprio a riportare in Italia il denaro "fresco". 

I due uomini - insieme, a vario titolo, con gli altri indagati - rispondono di false fatture e frode fiscale in associazione a delinquere. La loro attività andrebbe avanti dal 2012. Uno dei clienti è la casa di moto Ducati, per la quale si sospettano fatture dubbie per 770 mila euro e la cui sede è stata perquisita il 5 dicembre.

Secondo gli investigatori, il metodo era semplice ed efficace: attraverso una società di marketing con sede in Austria, amministrata da Alvares, venivano acquistati spazi pubblicitari a prezzo di mercato; poi questi venivano rivenduti alle aziende clienti a prezzi maggiorati (di qui le sovrafatturazioni). Il denaro veniva poi trasferito in vari luoghi del mondo e infine in Cina, dove un coindagato aveva interessi commerciali. Da qui, infine, i soldi tornavano in Italia in contanti, destinati di nuovo alle aziende clienti.

Una curiosità: Cervino è autore di un manuale sulle frodi fiscali: "Antiriciclaggio per i professionisti. Frode fiscale su attività lecite e riciclaggio di denaro", edito da Giuffrè. In pratica, un vero esperto della materia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, grosso incendio in Stazione Centrale: a fuoco un'area dove si rifugiano i clochard

  • Milano, la velina Giulia Calcaterra in ospedale: “Un batterio mi ha bucato il malleolo”. Le foto

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

  • Uomo vestito da Joker e con una pistola finta provoca il panico in metro a Milano: treni in tilt

Torna su
MilanoToday è in caricamento