Fpt di Pregnana, nessun passo indietro dell'azienda: "Lo stabilimento va chiuso"

L'azienda ha incontrato i sindacati a Torino. Non è ancora chiaro quale sarà il futuro dei lavoratori

I lavoratori della Fpt

Nessun passo indietro: lo stabilimento di Pregnana del colosso dei trattori Cnh sembra essere destinato a chiudere. Nella mattinata di martedì 8 ottobre sindacati e azienda si sono incontrati a Torino e l'amministratore delegato di Fpt Industrial Annalisa Stupenengo ha confermato la volontà di chiudere la fabbrica e trasferire tutte le attività nel capoluogo piemontese. Il motivo? Uno solo: ridurre i costi. 

Per il momento non è ancora chiaro quale sarà il futuro dei lavoratori: azienda e sindacati affronteranno l'argomento quando saranno convocati al Ministero dello Sviluppo Economico. L'incontro, come confermato dalla Cgil a MilanoToday, è stato chiesto ma per il momento non è stato convocato. Nel frattempo i lavoratori hanno proclamato otto ore di sciopero per venerdì 11 ottobre quando saranno davanti al Pirellone con un presidio: "Vogliamo che il presidente Attilio Fontana sia al nostro fianco nella difesa del lavoro di tanti cittadini che vivono in questa regione".

"Una fabbrica dove la produzione va bene e i volumi aumentano"

"A Pregnana la produzione va bene e i volumi sono addirittura in aumento — dichiarano Marco Giglio, coordinatore Fim Milano Metropoli, Roberta Turi, segretaria generale Fiom Milano, Francesco Caruso, segretario Uilm Milano — . Sul sito della Fpt Industrial il plant viene definito come 'uno dei più importanti nel nord Italia non soltanto per la quantità di unità prodotte, ma anche per l'approccio tailor-made': infatti, ogni motore è adattato ai più variegati bisogni dei clienti”.

"Non possiamo accettare la distruzione di una fabbrica storica e siamo contrari a questa strategia — hanno proseguito i sindacalisti —. Chiediamo a Cnh Industrial un piano B che consenta di salvaguardare le persone, le professionalità e la comunità locale. Un piano che preveda una sostenibilità ambientale, come quella su cui punta l'azienda, ma anche sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • Pizzerie aperte con i soldi del traffico di droga: sgominato l'affare da 10 milioni di euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento