Escape room per aziende: un efficace (e innovativo) strumento di team building

Per stemperare lo stress quotidiano in ufficio, sempre più realtà aziendali fanno ricorso a diverse iniziative di team building. L'ultima novità? L'Escape Room

Competizione, ritmi frenetici e tanta, tanta adrenalina. Per stemperare lo stress quotidiano in ufficio, sempre più realtà aziendali (grandi e piccole) fanno ricorso alle più disparate iniziative di team building, organizzando gite, sessioni di yoga e attività sportive per i propri dipendenti. Un modo per evadere dalla routine quotidiana e sviluppare l’affiatamento tra colleghi.

L'Escape Room come soluzione per fare team

Negli ultimi tempi sta emergendo l’escape room come soluzione per fare team: l’escape game, nato in Giappone e arrivato soltanto negli ultimi anni in Europa, via States, è un gioco affascinante e costruttivo che permette di sviluppare la propensione al lavoro di squadra, alla gestione dello stress e al rispetto delle scadenze. A Milano c’è “Trap”, che con le sue 2 sedi in zona Sondrio e Turro, è riconosciuta dagli addetti ai lavori come una delle più belle escape room di tutta Europa.

Perché l’escape room per team building sta riscontrando sempre più consensi? I motivi sono principalmente due.

In primis, si tratta di un’attività a cui tutti possono partecipare; il gioco non richiede particolari doti fisiche (è sufficiente presentarsi con un abbigliamento comodo) ed è studiato dai game master affinché tutti i giocatori partecipino attivamente, nessuno escluso (anche per i colleghi che non parlano italiano).

In secondo luogo, l’escape game è un gioco di squadra che richiede necessariamente comunicazione e collaborazione. Per risolvere gli enigmi e trovare il modo di uscire dalla stanza entro il tempo massimo di 60 minuti, i partecipanti devono indagare insieme: bisogna unire le forze e servirsi di tutta la capacità di problem solving a disposizione. Il team dovrà misurarsi anche con la variabile “tempo”. Rispettare tempistiche e scadenze - specialmente per chi lavora a ritmi sostenuti - è una capacità sempre molto apprezzata.

"Trap Milano"

“Trap Milano” propone 5 differenti stanze, tutte differenti per narrazione, scenografia, effetti speciali ed enigmi da risolvere: La Tomba, La Casa nel Bosco, Antartide, La Piramide e Pirate Cave.

Le escape room di “Trap Milano” possono accogliere fino ad un massimo di 14 giocatori; ai gruppi più numerosi, gli organizzatori propongono una formula che prevede più sessioni di gioco contemporaneamente (fino a 51 giocatori in entrambe le sedi e fino a 26 per singola sede). Sul sito di “Trap” (trapmilano.it) si trovano i contatti per chiedere informazioni, preventivi e prenotare sessioni di gioco.

Non solo team building: l’escape room coi colleghi è sempre più richiesta anche per festeggiare compleanni e traguardi lavorativi, o semplicemente come modo alternativo al classico aperitivo per salutarsi prima delle vacanze. 

Alla fine dell’avventura, ogni giocatore avrà conosciuto meglio pregi e difetti degli altri partecipanti, cioè dei suoi colleghi, e sviluppato l’attitudine al problem solving, un’altra soft skill sempre più richiesta e apprezzata dai datori di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento