Milano è attrattiva per i giovani: +50 mila in un anno. Ma le case costano troppo

Nel 2014 cinquantamila residenti in più nella fascia dai 15 ai 44 anni. Ma comprare casa a Milano costa in media quattromila euro al metro quadro

Sempre più giovani scelgono Milano per costruire il proprio futuro

Sorpresa: a Milano è boom di giovani in arrivo. Il dato è sorprendente perché decisamente alto in rapporto al tempo indicato: 50 mila persone nella fascia d'età 15-44 anni in circa quindici mesi (scarsi). A riferirlo è stato il sindaco Giuseppe Sala, sui dati del Cresme (la ricerca è del 2016, ma l'exploit risale al 2014). 

Per la precisione: 46.304 residenti in più in quella fascia, e il 68% racchiuso tra i 25 e i 34 anni, mentre (per la popolazione over 45 anni) 26.142 persone in meno. In pratica, Milano è tornata ad attirare giovani (studenti e lavoratori) in notevole quantità, e sempre secondo il Cresme il trend è proseguito anche nel 2015: +16.240 residenti tra gli zero e i 49 anni, con incremento soprattutto tra i 15 e i 39 anni.

Milano è dunque, attualmente, una città attrattiva. Tra quei 16 mila che hanno scelto di vivere a Milano nel corso del 2015, sono evidenziati soprattutto i 5 mila tra i 25 e i 29 anni, si presume neo laureati in cerca di una occupazione. 

L'altra fascia della medaglia, per chi arriva, è il prezzo elevato delle case. Una cosa che non si può evitare più di tanto, perché i prezzi li fa il mercato e se c'è molta domanda è chiaro che il canone di locazione sia più alto che altrove. Si nota, però, una crescita (negli ultimi mesi) dei canoni di monolocali e bilocali, cioè i tagli più piccoli, adatti a chi è studente o ha il suo primo lavoro, dopo anni di stasi.

Una notizia che farà piacere ai proprietari immobiliari, ma che rappresenta un problema sia per chi al contrario vede in Milano una possibilità per chi vuole costruirsi qui il suo futuro, sia indirettamente per la politica meneghina, interessata ad una soluzione che vada bene a tutti. 

La chiave potrebbe sussistere nell'aumento dell'offerta abitativa. A Milano è mancato un mercato immobiliare di abitazioni low cost, come ha rilevato Sala, e la "partita" degli scali ferroviari, grandi spazi da rigenerare e trasformare, potrebbe aiutare in questo. La questione riguarda le case in locazione ma anche quelle in vendita, considerando che la media cittadina sarebbe, ad oggi, di 4 mila euro al metro quadro (scarsi). 

La sfida è quella di rendere possibile abitare in città a prezzi non esorbitanti. Perché altrimenti il trend di giovani che scelgono di crearsi un futuro a Milano si invertirà, prima o poi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Sala e la sinistra non hanno ancora capito che i prezzi li fa il mercato. Se i giovani non verranno più a Milano per i prezzi alti, tali prezzi automaticamente scenderanno e attireranno nuovi giovani. La mentalità socialista è dura a morire

Notizie di oggi

  • Politica

    Un’oasi naturalistica, parchi e la Circle line: “addio” scali ferroviari, ecco la nuova Milano

  • Stazione Centrale

    Spaccia pastiglie benzodiazepine, nota come "l'eroina dei poveri", in Stazione: arrestato

  • Legnano

    Latitante ricercato in tutta Italia va a salutare la madre e i due figli: arrestato durante la cena

  • Parabiago

    Travolge uno scooter, lascia sull'asfalto una 18enne e scappa: pirata 22enne denunciato

I più letti della settimana

  • Esselunga va verso la quotazione in borsa

  • Ecco il nuovo grattacielo di Milano: terrazze con mega serre e una piscina panoramica | Ft

  • L'azienda chiude e licenzia tutti i dipendenti: le lavoratrici scrivono una lettera alla Boldrini

  • Laurea in finanza: la Bocconi è la settima al mondo per il Financial Times

Torna su
MilanoToday è in caricamento