Le ricerche di due veterinari lombardi in tutto il mondo

I traguardi raggiunti e il lavoro svolto sono stati così prestigiosi che, in Europa e negli Usa, sono gli unici veterinari a essere stati chiamati a esporre le loro relazioni nei principali congressi

Davanti a un macchinario nella clinica

I traguardi raggiunti e il lavoro svolto sono stati così prestigiosi che, in Europa e negli Usa, sono gli unici veterinari a essere stati chiamati a esporre le loro relazioni nei principali congressi.

Loro sono Mario Dolera e Luca Malfassi, padri della Fondazione studi e ricerche veterinarie "La Cittadina", a Crema. I due medici veterinari, infatti, esporranno i risultati del loro lavoro - che riguarda soprattutto malattie neoplastiche e del sistema nervoso - tra agosto e ottobre in Portogallo e negli Stati Uniti.

Dolera e Malfassi sono anche stati i primi a curare una particolare neoplasia in un coniglio: il tumore si annidava in una ghiandola davanti al cuore ed era quasi impossibile intervenire. Grazie alla radioterapia stereotassica, e all’acceleratore lineare, hanno sconfitto il tumore. Forti della sofisticata tecnologia in loro possesso - i tumori animali vengono curati con un acceleratore lineare con an Tac incorporata, un macchinario unico in Italia e di cui esiste un altro esemplare in Europa - Dolera e Malfassi il 27 agosto saranno a Cascais, alla conferenza annuale della Società di veterinaria europea, il principale appuntamento in Europa per la radioterapia.

“Saremo gli unici – hanno detto – che porteremo lavori di radioterapia veterinaria, con un totale di quattro relazioni. In tutta Europa sono nove”. E il 30 agosto, i due medici replicheranno a Lisbona. In ottobre, invece, il 17 si trasferiranno a Minneapolis, per il più importante congresso mondiale di oncologia veterinaria organizzato dalla Veterinarian cancer society. Anche qui i medici cremaschi hanno fatto l’en plein: su tre relazioni proposte, tre relazioni sono state scelte.

Al centro dei loro lavori le malattie oncologiche di cani e gatti. “Parleremo - hanno continuato i veterinari - di Radioterapia e Diagnostica per immagini”. Infine, il 20 saranno a Philadelphia. Il materiale che sarà presentato a veterinari, ricercatori e studiosi, proviene in parte da quello utilizzato per il secondo congresso che si è svolto in maggio a Romanengo (Cremona). Sono circa duemila i casi che hanno portato la Cittadina a diventare centro di riferimento nazionale per l’epilessia animale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alto, poi, è il tempo di sopravvivenza dopo un’operazione per estirpare un tumore cerebrale. In media, se si pensa che un cane vive 13 anni, i due veterinari assicurano all’animale altri tre anni di vita rendendo così felici anche i proprietari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

Torna su
MilanoToday è in caricamento