Nasce all'ospedale Niguarda un centro per trattare la ipovisione nei bambini

Un approccio multidisciplinare per i gravi disturbi della funzione visiva in età pediatrica

Repertorio

Un approccio multidisciplinare per i gravi disturbi della funzione visiva in età pediatrica. Un parto pretermine, sofferenze prenatali e neonatali, anomalie genetiche possono essere causa di complesse patologie che, nonostante un adeguato trattamento medico e chirurgico, portano a gravi riduzioni visive. Agire precocemente in questi casi è fondamentale per migliorare la qualità di vita dei piccoli e delle loro famiglie.

"È con questo obiettivo che nasce a Niguarda un centro dedicato alla presa in carico dei bambini affetti da ipovisione.Grazie ad un team multi professionale di specialisti, che comprende oculisti infantili, ortottisti, neuropsichiatri infantili, fisioterapisti e psicologi, l’inquadramento diagnostico-terapeutico e l’intervento riabilitativo vengono strutturati sulle esigenze dei piccoli pazienti". Lo spiega Marco Bosio, direttore Generale di Niguarda.

Il numero di persone ipovedenti in Italia supera quota 1,5 milioni. Tra le patologie più importanti della fascia pediatrica ci sono la cataratta congenita e il glaucoma congenito. 

Il percorso per intercettare le patologie visive più gravi inizia subito dopo la nascita con il test del riflesso rosso, un esame di screening utile per indirizzare la diagnosi su possibili casi di cataratta congenita. E poi ci sono i controlli con il pediatra nei primi mesi. Da non trascurare l’importante aiuto che i genitori stessi possono dare nel segnalare condizioni sospette.

“Tra i possibili campanelli d’allarme l’incapacità di stabilire un contatto visivo da parte del bambino mentre ad esempio viene allattato dalla mamma. È utile segnalare anche eventuali movimenti insoliti dell’occhio, come ad esempio il nistagmo, che si manifesta con continui scorrimenti rapidi e ripetitivi della pupilla. Un altro possibile campanello d’allerta può essere la fotofobia, che si verifica quando il bambino passa in un ambiente con molta luce e tende a coprirsi il volto o a girarsi perché infastidito”, secondo Elena Piozzi, direttore dell’Oculistica Pediatrica.

Fondamentale, quindi, una diagnosi precoce così da attivare percorsi abilitativi che possono favorire l’organizzazione della funzione visiva, anche con riferimento anche alla plasticità del sistema nervoso nella prima infanzia. 

Il centro di ipovisione ha come asse portante l’attività dell’Oculistica Pediatrica di Niguarda, primo reparto in Lombardia interamente dedicato ai disturbi visivi del bambino dal 1990. Qui ogni anno si effettuano circa 700 interventi chirurgici  e più di 20.000 prestazioni ambulatoriali con una multidisciplinarietà che coinvolge tutte le specialità pediatriche presenti nel Dipartimento Materno-Infantile. 

Ma la collaborazione valica i “confini” di Niguarda per una integrazione con i Centri di Riabilitazione visiva presenti sul territorio. Tutto questo per offrire un percorso assistenziale completo  in grado di incidere tempestivamente sulle potenzialità visive e sullo sviluppo globale del bambino. 

Gallera

“Questo centro rappresenta l'esatta fotografia dell'evoluzione del sistema sanitario che stiamo attuando - commenta l'Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera - ovvero il passaggio dal concetto di "cura" a quello del "prendersi cura della persona, in questo caso dei bambini, in un'alleanza sinergica fra ospedale e territorio. La diagnosi e la cura richiedono tempi, spazi e modalità dedicate oltre che personale competente. E soprattutto una grande collaborazione tra specialisti e strutture diverse e con i Pediatri di base. È proprio grazie ad un approccio multidisciplinare , infatti, che riusciamo a rispondere in modo efficace ai bisogni di cura dei nostri cittadini, assicurando loro l'eccellenza delle prestazioni e la continuità assistenziale di cui necessitano”.

“E’ importante sapere di avere al proprio fianco un team di professionisti che si prendono cura non solo del paziente, ma anche della sua famiglia – commenta Giusy Versace, atleta paralimpica e parlamentare- . Spesso, infatti, anche chi è vicino ad una persona malata, soprattutto quando si tratta di un bambino, è spaventato, confuso e ha bisogno di un sostegno e di speranza per affrontare questa situazione difficile. Gli specialisti, quindi, hanno il compito non solo di assistere e curare i pazienti, ma anche di accompagnare le loro famiglie in questo percorso”.

Il centro di Niguarda intende posizionarsi come un hub di collegamento con i centri di riabilitazione visiva sul territorio. In queste sedi spesso il bambino è seguito per periodi intensivi dedicati alla rieducazione, alternati anche da mesi in cui questa attività si sospende ed è importante che anche in questi frangenti il bambino e la sua famiglia continuino ad essere seguiti con controlli mirati per il follow-up.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Uomo sui binari travolto e ucciso dalla metro rossa: aveva 24 anni

  • Milano, Carrefour compra 28 supermercati Auchan da Conad: "Nessun esubero"

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • Notte di incidenti a Milano: schianto tra auto in via Primaticcio, 5 ragazzi feriti e un uomo in coma

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento