Fanuc investe in italia e inaugura la nuova sede di Lainate

FANUC – multinazionale giapponese quotata alla Borsa di Tokyo e attiva nel campo dell’automazione industriale – ha inaugurato recentemente la nuova sede di Lainate (MI) per un investimento di 25 milioni di euro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

FANUC – leader mondiale nel campo della robotica, del controllo numerico e dell’automazione industriale – ha ufficialmente inaugurato la nuova sede di Lainate, alle porte di Milano. Alla presenza del top management europeo e mondiale dell’azienda, capeggiati dal chairman Dr. Yoshiharu Inaba e dal Presidente e CEO Kenji Yamaguchi, è avvenuto il taglio del nastro che ha visto la partecipazione di clienti e partner, oltre ai rappresentanti delle associazioni di categoria. Il nuovo building ha ottenuto la certificazione Gold nella LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), il sistema di classificazione degli edifici sostenibili più utilizzato al mondo. La struttura – che si estende su una superfice di oltre 12.000 mq ospita gli uffici direzionali, un centro dimostrativo di 1.000 mq destinato a simulazioni di funzionamento delle tecnologie proprietarie in ambito di robot, robomacchine e CNC, un centro di formazione di 800 mq dedicato al training e all’aggiornamento su diversi aspetti dell’Industry 4.0 e, infine, un centro tecnico di 800 mq per la realizzazione di test per lo sviluppo di prototipi e macchinari customizzati. L’investimento complessivo ammonta a oltre 25 milioni di euro. La nuova sede ha l’obiettivo di potenziare le iniziative a livello locale con un supporto tecnico, logistico, formativo capace di assicurare maggiori benefici e vantaggi per l’ecosistema di clienti e partner di FANUC, ma anche per tutte quelle realtà – piccole, medie e grandi – che necessitino di un supporto per conoscere e sfruttare le potenzialità dell’Industry 4.0. Per questa ragione sono state realizzate diverse aule dedicate alla formazione – con una capienza complessiva di 70 posti - che facilitano l’interazione tra docenti, esperti e fruitori dei corsi. “Questo è un giorno importante per FANUC Italia e per l’intero nostro Gruppo. Siamo certi che questo nuovo polo contribuirà a consolidare il trend di crescita e la leadership di FANUC nel mercato italiano”. ha dichiarato Shinichi Tanzawa, Presidente e CEO FANUC Europe. “L’importante investimento che abbiamo deciso di realizzare trova oggi il suo definitivo compimento in un insediamento all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, che ben riflette l’eccellenza che da sempre contraddistingue FANUC. Un’ eccellenza che si sposa perfettamente con l’alta qualità dell’industria manufatturiera italiana, le cui esigenze stimolano e indirizzano la nostra ricerca e sviluppo di prodotti innovativi”. FANUC Italia ha visto, infatti, raddoppiare i ricavi negli ultimi 5 anni, con la previsione di raggiungere un fatturato di 180 milioni di euro entro fine anno. Una crescita rilevante che si accompagna all’aumento del numero di addetti, che supereranno i 150 grazie anche alla campagna di recruiting in corso, rivolta a neolaureati e diplomati. “Siamo orgogliosi di aver realizzato una struttura all’avanguardia”, commenta Marco Ghirardello, Managing Director di FANUC Italia, “che è casa nostra ma anche quella dei nostri clienti, dei nostri partner e di tutte le aziende, gli imprenditori, i professionisti e i giovani talenti che credono nell’automazione industriale. La manifattura italiana è viva e vitale, con migliaia di PMI che stanno imboccando ora la strada della digitalizzazione. Grazie ai nostri centri di formazione, tecnici e dimostrativi intendiamo supportarle in questo loro percorso, così da essere ancora di più un punto di riferimento nazionale per l’Industry 4.0. Un progetto ambizioso, che riflette quella determinazione che ci ha consentito di crescere così tanto negli ultimi anni e diventare la seconda filiale in Europa per volume di affari e numero di dipendenti”.

Torna su
MilanoToday è in caricamento