Il Salone dell'Auto lascia Torino per Milano: dal 2020 l'evento si svolgerà al Parco Sempione

"Sarà un grande evento internazionale, all'aperto e con una spettacolare inaugurazione"

Edizione 2019

Torino dice addio al Salone dell'Auto che dal 2020 si trasferisce in Lombardia. Ad annunciarlo una nota degli organizzatori in cui si precisa che "la sesta edizione del Salone dell'Auto all'aperto Parco Valentino si svolgerà in Lombardia dal 17 al 21 giugno 2020".

Sala: "Ad oggi non ho incontrato nessuno, vedremo la proposta"

"Seguendo la nostra vocazione innovativa - spiega il presidente Andrea Levy - abbiamo scelto per il 2020 di organizzare la sesta edizione in Lombardia in collaborazione con Aci. Sarà un grande evento internazionale, all'aperto e con una spettacolare inaugurazione dinamica a Milano nella giornata di mercoledì 10 giugno 2020".

Levy ringrazia "la Città di Torino per aver collaborato in questi 5 anni alla creazione di un evento di grande successo, capace di accendere sulla città i riflettori internazionali". Nella nota si anticipa che i dettagli del nuovo progetto e il nuovo logo saranno svelati a settembre in una conferenza stampa ufficiale congiunta con le amministrazioni dei comuni coinvolti.

Tra i motivi anche le polemiche interne al M5s di Torino

Poche righe che arrivano dopo giorni di discussioni e polemiche, interne anche alla maggioranza 5 Stelle in consiglio comunale. Alcuni consiglieri grillini infatti non vedevano di buon occhio la realizzazione della manifestazione all'interno del Parco del Valentino e a riguardo era stata presentata anche una mozione per chiedere di non realizzare in quel contesto l'edizione 2020, come riferito da TorinoToday.

Voto che ormai non ci sarà perché l'organizzazione ha deciso di spostare tutto l'evento in Lombardia, città dalla vocazione internazionale e che metterà a disposizione Parco Sempione. Annuncio che deve essere arrivato sulla testa della sindaca Chiara Appendino come una doccia d'acqua gelida visto che ancora questa mattina, giovedì 11 luglio - come si può vedere dal video - dichiarava di voler mantenere il Salone a Torino e che avrebbe votato in consiglio comunale contro la mozione proposta dalla sua stessa maggioranza.

"È un evento che quest'anno ha portato 700.000 persone. Ieri, insieme all'assessore Sacco, abbiamo incontrato Andrea Levy - presidente del Salone dell'Automobile - e gli abbiamo garantito il pieno supporto da parte della Città. Stiamo ragionando in un'ottica pluriennale anche di comunicazione e quindi noi siamo a disposizione" - evidentemente quel che sindaca e assessora hanno detto ad Andrea Levy non è bastato a convincerlo. 

Il sindaco di Torino: Appendino furiosa

Arriva la reazione di Chiara Appendino. La sindaca si dice "furiosa per la decisione del comitato organizzatore del Salone dell'Auto di lasciare Torino dopo cinque edizioni di successo" e parla di una scelta che danneggia Torino "la nostra città, a cui hanno anche contribuito alcune prese di posizione autolesioniste di alcuni consiglieri del Consiglio Comunale e dichiarazioni inqualificabili da parte del Vicesindaco". 

Conclude la nota diramata dal Comune: "Senza sottrarmi alle mie responsabilità, mi riservo qualche giorno per le valutazioni politiche del caso".

Potrebbe interessarti

  • Buono, fresco, colorato: ecco dove mangiare dell'ottimo poke a Milano

  • Come pulire le porte di casa

  • Come difendersi dai ladri in casa in estate

  • Come lavare i cuscini del divano

I più letti della settimana

  • Trovato morto Stefano Marinoni, il 22enne di Baranzate scomparso dal 4 luglio: la tragedia

  • Paura per il ciclista 16enne Lorenzo Gobbo: infilzato da un legno, polmone perforato. Foto

  • Sciopero di metro, bus e tram Atm: ecco gli orari dei mezzi per giovedì 11 luglio a Milano

  • Il "più grande mall mai realizzato": 100mila mq e 160 negozi nel nuovo centro commerciale

  • Rapina in banca a Milano: clienti e dipendenti sequestrati, due banditi in fuga con i soldi

  • Incendio a Segrate, fiamme nell'officina del rottamaio: enorme nuvola di fumo nero

Torna su
MilanoToday è in caricamento