"Starbucks sbarca a Milano": e la bufala-sfida contagia il web

Il volantino che da qualche giorno circola sulla rete è una bufala architettata da Mario Macca, giovane studente di design. Si era chiesto "quanti potessero cascarci"

Il lavoro di Mario Macca

Starbucks sbarca in Italia. Un manifesto spopola su facebook indicando che la celebre caffetteria aprirà i battenti a Milano, Venezia, Roma e Napoli. Nulla di più falso. Un fake, un troll o più semplicemente un esperimento pubblicitario ben riuscito.

Il fatto: giovedì mattina compare sul re dei social network un manifesto campeggiante la scritta: "Starbucks comes to Italy. Milan, Venice, Rome and Naples". Una "burla" architettata da Mario Macca, giovane studente di design che, grazie ad un programma di grafica, ha realizzato la locandina incriminata. È stato subito un successo. Centinaia di condivisioni - al momento in cui scriviamo questo articolo siamo a quattromila "like" e milleseicento condivisioni - ma il "tam- tam" non accenna a fermarsi.

Anche il creatore del pesce d'aprile - forse un po' troppo in anticipo - è stupito del risultato ottenuto. Prima della pubblicazione Mario si chiedeva se  "Qualcuno  crederà  veramente Starbucks viene in italia perché arriva un - misero - poster fatto da un ragazzo?". Ebbene sì, mezza italia ci ha creduto e il lavoro di Mario è stato visto da decine di migliaia di persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento