Quinto Romano: 19 milioni di euro per "rilanciare" le torri di via Tofano | Il progetto

L'obiettivo dell'Amministrazione è trasformare un complesso di edilizia residenziale pubblica problematico sotto i profili manutentivi e gestionale in uno esemplare

Le torri

Un intervento finalizzato ad incrementare la disponibilità di abitazioni di edilizia sociale di proprietà comunale, che servirà anche a realizzare alloggi destinati ad altre utenze ed altri usi, nell'ottica della diversificazione e dell'integrazione tra differenti tipologie di residenti e, più in generale, di rigenerazione dell'intero quartiere.

Giunge al traguardo finale, con il progetto approvato dalla Giunta, la vicenda del complesso di edilizia residenziale pubblica di via Tofano, a Quinto Romano, costituito da tre torri gemelle situate su un medesimo lotto. Le torri, nonostante la recente data di costruzione (1986), negli ultimi anni hanno presentato gravi problemi statici: una (la “C”) è già stata oggetto di un intervento complessivo di ristrutturazione e rinforzo, mentre per le altre due (“A” e “B”) sono previsti lavori di demolizione e successiva ricostruzione.

L'obiettivo dell'Amministrazione è trasformare un complesso di edilizia residenziale pubblica problematico sotto i profili manutentivi e gestionale in uno esemplare dal punto di vista della sostenibilità ambientale, architettonica e sociale.

I due edifici, organizzati in 11 livelli fuori terra, prevedono la medesima composizione dei piani: gli appartamenti passeranno dagli attuali 100 a 118 (59 per ogni edificio), 10 dei quali saranno a norma disabili; in entrambe le torri ci saranno alloggi a disposizione per residenze temporanee (4 per la “A” e 3 per la “B”), nonché locali per uffici ed associazioni. L'esigenza di liberare lo spazio esterno dalla sosta di autoveicoli è alla base della scelta di realizzare un'autorimessa interrata, per 118 posti auto, raggiungibile con una rampa rettilinea.

Le soluzioni tecnologiche ed impiantistiche adottate permetteranno di avere un complesso edilizio ad alta efficienza energetica; gli stessi materiali saranno scelti tenendo presenti, oltre agli aspetti di efficienza, durata, facilità di manutenzione, anche quelli legati al consumo energetico. Al fine di promuovere la pratica della raccolta differenziata da parte degli abitanti, verrà realizzato, in posizione strategica lungo via Ferrieri, un vano per il deposito dei rifiuti organizzato in modo da rendere efficiente il compito di raccolta e prelievo grazie alla realizzazione di sportelli di scarico dall'esterno per gli abitanti e portone di carico direttamente dalla strada.

I costi della complessa operazione ammontano a quasi 19 milioni di euro, così suddivisi: 8,350 milioni vengono erogati dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti, 10,256 milioni sono invece in capo a Regione Lombardia. Il programma dell'Amministrazione prevede che tra progetto esecutivo e gara si arrivi a fine 2017, per poi procedere con le demolizioni e le successive ricostruzioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

  • Milano, gira in strada con tre zaini in spalla: dentro ha 2,3 chili di droga e 10mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento